menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bollettino Coronavirus Milano e Lombardia: 3.289 nuovi positivi ma calano i ricoveri

I dati delle ultime 24 ore

Come di consueto, la Regione Lombardia e la Protezione Civile hanno diffuso i dati dei contagi da Covid a Milano e in Lombardia nel tardo pomeriggio. Le cifre continuano a migliorare. Diminuiscono i ricoverati nelle terapie intensive (-2) e nei reparti (-249). A fronte di 56.476 tamponi effettuati, sono 3.289 i nuovi positivi (5,8%). I guariti/dimessi sono 3.613.

Dei 56.476 tamponi effettuati, 39.300 sono molecolari e 17.176 sono antigenici. Il totale complessivo dei test è salito a 8.570.894. Per quanto riguarda i ricoveri in terapia intensiva, i pazienti restano 828. I ricoverati non in terapia intensiva sono 6.252 (-249). Critica, purtroppo, la cifra delle vittime: nelle ultime 24 ore sono state 92. I morti hanno raggiunto la cifra di 31.595.

I nuovi casi per provincia sono così distribuiti. Milano: 881 di cui 310 a Milano città; Bergamo: 241; Brescia: 512; Como: 213; Cremona: 109; Lecco: 116; Lodi: 66; Mantova: 155; Monza e Brianza: 257; Pavia: 228; Sondrio: 108; e Varese: 319. 

Bollettino covid venerdì 9 aprile 2021-2

Lombardia zona arancione

E da lunedì 12 aprile la Lombardia tornerà, dopo un mese, ad essere in zona arancione. I dati epidemiologici parlano di incidenza contagi "crollata" a 183 ogni centomila abitanti e di un indice Rt da zona gialla, se non fosse che, fino al 30 aprile, si può essere solo arancioni o rossi per decisione del Governo. 

I lombardi torneranno quindi a circolare nei propri comuni di residenza o domicilio senza necessità di un'autocertificazione (rispettando il coprifuoco sempre in vigore dalle 22 alle 5) e, in particolare, torneranno ad essere aperti i negozi, tra cui i parrucchieri e i centri estetici che, questa volta, in zona rossa erano rimasti chiusi.

Le regole della zona arancione

Vaccini Covid anche a fragili e disabili

Da venerdì 9 aprile in Lombardia i fragili e i disabili gravi possono prenotare il vaccino anti Covid. La piattaforma delle Poste è infatti aperta anche per loro, nonché per i caregiver e familiari, con regole però diverse. I caregiver e i familiari dei particolarmente vulnerabili possono vaccinarsi presentandosi insieme al soggetto fragile al centro vaccinale, con apposita autocertificazione. I caregiver e i familiari dei disabili gravi, invece, devono prenotarsi contestualmente al disabile. Regione Lombardia ha fatto sapere che possono prenotarsi fino a tre caregiver e/o familiari, ma nella mattinata di venerdì il sistema online non dava questa possibilità e, al telefono, si poteva prenotare solo uno di essi.

Caso ancora diverso per caregiver e/o familiari di un disabile che si è già vaccinato, ad esempio perché ultra 80enne. In questo caso, i caregiver e/o familiari devono aspettare il 16 aprile e poi potranno prenotarsi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento