Bollettino covid-19: salgono i morti in Lombardia, più contagi a Milano

Coronavirus, il bollettino ufficiale con contagi, morti e ricoveri in Lombardia e a Milano

Prosegue la lotta al coronavirus in Lombardia. I dati di venerdì 12 giugno mostrano un calo delle persone ricoverate, ma il covid-19 non molla la presa. In regione nelle ultime 24 ore hanno trovato ancora 272 positivi. "Fra i casi positivi - spiega l'assessore al Welfare, Giulio Gallera - 42 sono riferiti a tamponi eseguiti dopo i test sierologici e 21 riscontrati in alcune RSA. Regione Lombardia ha effettuato ad oggi 264.024 prelievi ematici a 161.695 cittadini e 102.329 operatori. Gli esiti di questi test sierologici hanno evidenziato uno stato di positivita' per 41.250 (il 25,6%) cittadini e 13.402 (12,6%) operatori. In questi casi viene effettuato il tampone. Poco meno del 10% dei cittadini positivi al test lo e' anche al tampone. Per gli operatori, la positivita' e' confermata nell'1% dei casi".

Rimane inalterato il numero delle persone in terapia intensiva (97) ma i ricoverati non gravi sono -131. 31 persone purtroppo sono morte. A Milano contagi in aumento: +88 in provincia, +56 in città.

Infografica bollettino 12 giugno (2)-2

Infografica bollettino 12 giugno (1)-2

Coronavirus, ecco il nuovo Dpcm

No alle discoteche. "Ni" al calcetto. Sì a cinema e teatro. Il governo Conte ha stilato il calendario per la fase 3 dell'emergenza Coronavirus, quella che porterà Milano, la Lombardia e l'Italia verso la normalità dopo il periodo più duro della lotta all'epidemia. 

Le misure sono contenute in un nuovo Dpcm, decreto della presidenza del consiglio dei ministri, che entrerà in vigore dal prossimo lunedì 15 giugno. Quel giorno arriverà il semaforo verde - chiaramente sempre con regole precise da rispettare - per cinema, teatri, aree giochi e centri estivi per bimbi, terme, centri benessere, sale giochi e scommesse. 

Cosa riapre il 15 giugno 

"È consentito l'accesso di bambini e ragazzi a luoghi destinati allo svolgimento di attività ludiche, ricreative ed educative, anche non formali, al chiuso o all'aria aperta, con l'ausilio di operatori cui affidarli in custodia e con obbligo di adottare appositi protocolli di sicurezza in conformità alle linee guida del dipartimento per le politiche della famiglia", si legge nel Dpcm sul tema centri estivi. Inoltre "è consentito l'accesso dei minori, anche assieme ai familiari o altre persone abitualmente conviventi o deputate alla loro cura, ad aree gioco all'interno di parchi, ville e giardini pubblici". 

Sulle sale giochi: "Le attività di sale giochi, sale scommesse e sale bingo possono essere svolte a condizione che le Regioni e le Province Autonome abbiano preventivamente accertato la compatibilità dello svolgimento delle suddette attività con l'andamento della situazione epidemiologica nei propri territori e che individuino i protocolli o le linee guida applicabili idonei a prevenire o ridurre il rischio di contagio nel settore di riferimento o in settori analoghi". 

E poi ancora: "Le attività di centri benessere, centri termali, culturali e sociali sono consentite a condizione che regioni e province autonome abbiano precedentemente accertato la compatibilità con l'andamento della curva epidemiologica".

Per i cinema - che saranno a numero chiuso e con obbligo di distanziamento - "le regioni e le province autonome, in relazione all'andamento della situazione epidemiologica nei propri territori, possono stabilire una diversa data di ripresa delle attività, nonché un diverso numero massimo di spettatori in considerazione delle dimensioni e delle caratteristiche dei luoghi".

Cosa non riapre 

Via libera rinviato, invece, per gli sport amatoriali di "contatto". Dal 12 giugno riprendono infatti gli eventi sportivi - è il giorno di Juve-Milan di coppa Italia -, ma i non professionisti dovranno ancora aspettare. 

L'ok arriverà "dal 25 giugno", quando - spiega il Dpcm - "possono riprendere gli sport di contatto amatoriali, se le regioni ma anche il ministro dello Sport e della Salute accertino che ricorre la compatibilità dello svolgimento con la situazione epidemiologica". Quindi per le partite di calcetto e tutte le altre sfide tra amici ci sarà da aspettare ancora un po'. 

Quando riaprono discoteche e fiere

Attesa più lunga per fiere, discoteche e sale da ballo. "Restano sospese sino al 14 luglio 2020 - si legge nel decreto - le attività che abbiano luogo in sale da ballo e discoteche e locali assimilati, all'aperto o al chiuso, le fiere e i congressi. Le regioni e le province autonome, in relazione all'andamento della situazione epidemiologica nei propri territori, possono stabilire una diversa data di ripresa delle attività". E anche quando fiere e discoteche riapriranno ci saranno comunque da rispettare rigorose norme anti contagio. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel Dpcm sono poi confermate tutte le misure finora adottate, dal distanziamento sociale al divieto di assembramento. Capitolo app Immuni: "Da lunedì - ha detto il presidente del consiglio, Giuseppe Conte - potrà essere scaricata in tutto il territorio nazionale e sarà operativa. La potete scaricare con sicurezza, serenità e tranquillità, perché tutela la privacy, ha una disciplina molto rigorosa, non invade gli spazi privati".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mara Maionchi ricoverata per coronavirus a Milano

  • Sciopero generale, venerdì nero dei mezzi a Milano: a rischio metro, bus, tram e treni. Tutti gli orari

  • Coprifuoco in Lombardia: così a Milano torna di 'moda' l'autocertificazione per circolare

  • Bollettino coronavirus Milano e Lombardia, raddoppiano i contagi: 4.126 in un giorno

  • Coronavirus, coprifuoco a Milano e in Lombardia dalle 23 alle 5: c'è l'ok del Governo

  • Coronavirus e coprifuoco Milano e Lombardia: si possono comprare alcolici ai supermercati dopo le 18

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento