Bollettino coronavirus Milano e Lombardia: giornata nera per i decessi, 21

I dati ufficiali del Pirellone

Sempre alta l'attenzione sullo sviluppo del covid-19 in Lombardia. La morsa del coronavirus allenta la presa ma con molta lentezza: ancora 98 casi positivi in Lombardia nelle ultime 24 ore e rimane inalterato il numero di persone in terapia intensiva. -36 i ricoverati non gravi. Alto, purtroppo, il numero dei morti: 21. A Milano situazione stabile: 28 contagi nell'hinterland e 17 in città. 188 sono le persone guarite. 

"Continua il decremento del numero dei ricoverati (-36) e aumenta quello dei guariti (+188). Da segnalare inoltre che, relativamente ai 98 casi positivi, 30 fanno riferimento a test sierologici e 36 sono debolmente positivi. Per quanto riguarda i decessi, che purtroppo oggi sono 21, va sempre sottolineato che questi aggiornamenti sono riferibili alla tempistica con cui le anagrafi comunali e gli ospedali ci comunicano tali dati". Lo ha detto l'assessore regionale al Welfare, Giulio Gallera, commentando i dati relativi a giovedi' 2 luglio.

Sierologici a tappeto 

"Attualmente in Regione Lombardia abbiamo eseguito 502.510 test sierologici a 389.037 cittadini in quarantena, contatti di positivi e persone individuate per campagne specifiche, e a 113.473 operatori sanitari e socio-sanitari, esponenti delle forze dell'ordine, vigili del fuoco e personale in forza ai Tribunali. Nei prossimi giorni, in Provincia di Lodi verrà attivata una ulteriore importante campagna di screening sierologico che prevede la realizzazione di prelievi ematici ai cittadini che ancora non l'avevano eseguito".

Lo comunica l'assessore regionale al Welfare Giulio Gallera. "L'operazione, che era stata richiesta dalla provincia di Lodi e dai comuni del territorio, in sintonia con Ats e Asst - prosegue Gallera - sarà a carico dei Comuni dell'ambito territoriale che aderiranno all'iniziativa e i prelievi saranno effettuati con l'impiego del personale dell'ASST in regime di libera professione". ASSESSORE FORONI - "Un ulteriore passo avanti nell'affrontare la fase post emergenziale - ha commentato l'assessore al Territorio e protezione Civile, il lodigiano Pietro Foroni - che si aggiunge alle diverse misure già prese dalla Lombardia in queste settimane per affrontare la crisi sanitaria. Il mio ringraziamento va all'assessore Gallera per l'importante iniziativa a tutela della salute pubblica, condotta in condizioni di massima sicurezza per soddisfare le necessarie attività di follow up indispensabili in questa fase dell'emergenza sanitaria".

I test sierologici, grazie a un provvedimento approvato oggi in Giunta, potranno essere effettuati anche in ambito extraospedaliero o in strutture mobili, purchè vengano garantite le opportune misure di sicurezza. "Si tratta di misure importanti - conclude l'assessore Gallera - per una Regione come la nostra che sta uscendo da una fase di emergenza, che hanno l'obiettivo di tutelare il più possibile tutti coloro che hanno avuto il Covid e di soffocare la diffusione del virus attraverso un'attività di sorveglianza continua sul territorio".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, Lombardia diventa zona arancione: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • La Lombardia diventa zona arancione: adesso è ufficiale. Ecco da quando e cosa cambia

  • Vitamina D, che cosa mangiare per farne il pieno

  • Milano, festa al parchetto con gli amici: mix di alcol e droga, ragazzina 16enne in coma

  • Covid, Milano si sveglia in zona arancione: riaprono i negozi. Galli: "Scelta politica"

  • Fontana: "Milano rimane zona rossa. Governo vuole mantenerla fino al 3 dicembre"

Torna su
MilanoToday è in caricamento