menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Repertorio

Repertorio

Bollettino Coronavirus in Lombardia e a Milano: + 402 nuovi casi positivi su quasi 20mila tamponi

I dati di Regione Lombardia sulla pandemia. Contagi, tamponi, morti e dimessi dagli ospedali

A due giorni dall'inizio della nuova fase per affrontare il coronavirus, venerdì 5 giugno il numero dei contagi aumenta di ben 402 unità nella Regione Lombardia. La ragione del numero così alto di nuovi positivi è da individuarsi sicuramente nell'elevata quantità di tamponi realizzati: ben 19.389 nelle ultime 24 ore. Il rapporto nuovi positivi tamponi è 2,1%, una percentuale più bassa rispetto a giovedì, quando era stata 2,5% (anche se giovedì il numero assoluto dei nuovi positivi era stato molto minore + 84 ma su soltanto 3.410 tamponi).

Complessivamente le persone attualmente positive al coronavirus in Lombardia sono 19.853 (-471 nelle ultime 24 ore). Il totale complessivo dei casi  positivi riscontrati in Lombardia dall'inizio della pandemia a oggi: 89.928. 

Morti e guariti di venerdì 5 giugno in Lombardia: il bollettino

Aumentano le persone dichiarate guarite + 752. Calano i ricoveri in terapia intensiva, adesso sono solo 120, -5 nelle ultime ore. I ricoverati non in terapia intensiva sono adesso 2.960, i pazienti sono aumentati di 6 unità. Le vittime di venerdì 5 giugno sono state 21, il totale complessivo dei morti è ora 16.222.

Bollettino Lombardia sul coronavirus 5 giugno 2020-2

I casi per provincia e a Milano città. L'infografica

Nella provincia di Milano ci sono stati +99 nuovi casi positivi nelle ultime 24 ore, 23.306 in totale. Di questi 9.890 (+52 venerdì 5) a Milano città. A Bergamo 13.539 (+73). A Brescia 14.970 (+89). A Como 3.912 (+18). A Cremona 6.482 (+11). A Lecco 2.765 (+4). A Lodi 3.495 (+10). A Mantova 3.382 (+13). A 
Monza e Brianza 5.567 (+8). A  Pavia 5.393 (+22). A Sondrio 1.481 (+10). A Varese 3.671 (+28). Oltre a questi pazienti ci sono 1.965 in fase di verifica. 

Bollettino Lombardia sul coronavirus, le province 5 giugno 2020-2

La statistica conferma la 'strage' del coronavirus

A Milano si sono registrati più decessi della media nei mesi di marzo e aprile. Non è un'impressione, lo dicono i dati resi noti dall'Istat nel rapporto pubblicato giovedì 4 giugno.

Nella sola città di Milano a marzo è stato registrato un aumento dei decessi pari al 78.5% nel mese di marzo (rispetto al 2015-2019). Ad aprile (sempre con lo stesso triennio di riferimento) i morti sono aumentati di poco meno del 92%.

Allargando il focus alla Città Metropolitana l'aumento dei decessi è sostanziale: nel mese di marzo sono cresciuti quasi del 95% mentre ad aprile sono cresciuti del 98,1%.

"La diminuzione più importante in termini di decessi e di variazione percentuale si osserva in Lombardia - si legge nel documento -, i morti per il totale delle cause diminuiscono da 24.893 di marzo a 16.190 di aprile 2020 e l’eccesso di decessi rispetto alla media degli stessi mesi del periodo 2015-2019 scende da 188,1% a 107,5%. Sono proprio le province più colpite dall’epidemia quelle in cui si osservano le riduzioni più importanti. Bergamo e Lodi sono le aree in cui il calo della mortalità è stato più accentuato, l’eccesso di mortalità scende da 571% di marzo a 123% di aprile a Bergamo e da 377% a 79,9% a Lodi".

A livello nazionale i decessi totali scendono dagli 80.623 di marzo ai 64.693 di aprile e la stima dell'eccesso di mortalità passa da un aumento medio del 48,6% di marzo (26.350 decessi in più nel 2020 rispetto alla media 2015-2019) al 33,6% di aprile (16.283 decessi in più). L’eccesso di mortalità, purtroppo, si mantiene invece ancora alto ad aprile 2020, su livelli simili a quelli di marzo, nelle province di Milano (98% in più rispetto alla media 2015-2019), Pavia (135%) e di Monza e Brianza (101%).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    L'imprenditore milanese che inventa il "buco" per bere dalla mascherina

  • Cultura

    I teatri che a Milano lottano e non vogliono morire

  • Coronavirus

    Come si curano oggi i tossicodipendenti a Milano

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento