menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bollettino coronavirus a Milano e in Lombardia: 2.304 i nuovi positivi e 53 morti

Il bollettino ufficiale sul covid pubblicato dalla Regione Lombardia e dal ministero della Salute

Il bollettino ufficiale sull'andamento della pandemia in Lombardia di venerdì 23 aprile segna ancora un piccolo passo in avanti. Continuano a diminuire i ricoverati nelle terapie intensive (-9) e nei reparti (-167). A fronte di 46.840 tamponi effettuati, sono 2.304 i nuovi positivi (4,9%). I guariti/dimessi sono 3.545.

I tamponi effettuati in regione sono stati 46.840 (di cui 30.166 molecolari e 16.674 antigenici) per un totale complessivo dall'inizio della pandemia di 9.171.176. I nuovi casi positivi sono stati 2.304 (di cui 97 'debolmente positivi'). I guariti/dimessi aumentano a un totale complessivo di 702.119 (+3.545), di cui 4.221 dimessi e 697.898 guariti. In terapia intensiva ci sono ancora 644 (-9). I ricoverati non in terapia intensiva sono 4.185 (-167). I morti della ultime 24 ore sono stati 57: i decessi complessivi sono 32.569.

I nuovi casi per provincia sono così divisi: a Milano ci sono stati 645 casi di cui 242 a Milano città; Bergamo: 236; Brescia: 295; Como: 158; Cremona: 70; Lecco: 57; Lodi: 40; Mantova: 115; Monza e Brianza: 222; Pavia: 111; Sondrio: 35; e Varese: 267. 

Bollettino coronavirus in Lombardia-2

Da lunedì 26 aprile la Lombardia sarà zona gialla

Intanto venerdì è arrivata la conferma ufficiale: la Lombardia da venerdì 26 aprile sarà zona gialla. Attilio Fontana lo ha comunicato così: "È ufficiale, da lunedì la Lombardia è in fascia gialla. Me lo ha appena comunicato il ministro della salute, Roberto Speranza. Conferma che aspettavamo visto che i dati, grazie all'impegno di tutti, sono in miglioramento da giorni. Sono convinto - ha concluso Fontana - che sapremo non disperdere questa opportunità".

Già in mattinata, il governatore si era lasciato andare all'ottimismo, spinto dai dati in miglioramento, con l'indice Rt e con la soglia dei 250 casi per 100mila abitanti ben lontana dai livelli di allarme. La conferma è poi arrivata dall'ultimo report dell'istituto superiore di sanità, da cui il ministero della salute ha deciso di mandare in zona gialla la Lombardia. L’indice Rt regionale è infatti a 0,72 - più basso di quello nazionale, che è allo 0,81 - e l’incidenza è a 140.

"I numeri stanno gradualmente migliorando - aveva detto Fontana - e se le cose dovessero continuare così credo proprio di sì", la Lombardia può scivolare fuori dalle tonalità più rischiose. "È sempre difficile ipotecare il futuro ma se la situazione odierna dovesse proseguire ci sono buone probabilità di ritornare gialli", aveva previsto il governatore.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento