Bollettino coronavirus: +8.448 casi in Lombardia di cui 2.356 a Milano

Altri 39 i pazienti in terapia intensiva e +250 i ricoveri in altri reparti

Non si ferma la lotta al coronavirus in Lombardia. Nella giornata di martedì 17 novembre sono stati accertati altri 8.448 casi in tutta la Regione (a fronte di 38.283 tamponi); il rapporto fra tamponi effettuati e i nuovi positivi è del 22.07 %. Tra Milano e hinterland sono state trovate altre 2.356 persone positive al virus, di cui +902 in città. I dati sono stati resi noti dalla Protezione Civile con il consueto bollettino.

bollettino 17 novembre-2

Le persone ricoverate in terapia intensiva per grave insufficienza respiratoria sono 39 in più rispetto a ieri; in totale i reparti di rianimazione stanno curando 894 casi. Il dato, tuttavia, è un 'saldo' tra i nuovi ingressi, le persone che vengono dimesse e quelle che, purtroppo, muoiono. I posti letto occupati dai pazienti meno gravi sono aumentati di 250 unità per un totale di 8.151. Negli ospedali della Regione ci sono in tutto 9.045 persone affette da SarsCov2 (289 in più rispetto a ieri). Infine, purtroppo nelle ultime 24 ore sono morte 202 persone. Il totale dei deceduti in Lombardia è salito a 19.668.

Video e anteprime gratis: iscriviti al canale YouTube di MilanoToday

Il vademecum contro il covid in Regione approvato al Cts

 “Il Comitato Tecnico Scientifico regionale ha approvato le nuove linee guida per la somministrazione di terapie domiciliari ai pazienti Covid, a supporto del prezioso lavoro dei medici di base per i loro assistiti. Il testo sarà recepito in una delibera che la Giunta regionale esaminerà nei prossimi giorni”. Lo riferisce l’assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera, al termine della seduta di martedì sera dell’organismo scientifico.

“Le indicazioni operative sono state elaborate dal gruppo tecnico di lavoro del CTS regionale composto da specialisti, immunologi, virologi e pneumologi – spiega Gallera – confrontate con il documento predisposto dagli Ordini dei medici della Lombardia e approvate dal CTS in seduta plenaria all’interno del quale siedono i rappresentanti degli Ordini dei medici della Lombardia Gianluigi Spata e Guido Marinoni”.

“Queste linee guida hanno l’obiettivo di rendere omogeneo il livello delle cure e dell’assistenza sul territorio - conclude Gallera - e riguardano sia la somministrazione di farmaci che l’ossigeno terapia, evidenziandone i tempi ritenuti opportuni per le diverse fasi della malattia e le soglie di rischio che invece determinano l’opportunità del ricovero”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia verso entrata in 'zona arancione' da venerdì: cosa cambia

  • Incendio a Cologno, fiamme ed esplosioni nel condominio: casa distrutta, palazzo evacuato

  • Bresso (Milano), due agenti della polizia locale accoltellati: uno è grave

  • "Ve matamos a todos", poi calci e pugni: il folle assalto della 'gang', 5 poliziotti feriti in metro

  • Lombardia verso la zona arancione: ma non c'è nulla da esultare. I numeri

  • Violenza sessuale a Milano, ragazza stuprata dal cugino del padre: "Se parli ti taglio la testa"

Torna su
MilanoToday è in caricamento