menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bollettino covid Milano e Lombardia: 49 morti e 843 nuovi casi in Regione nelle ultime 24 ore

I numeri ufficiali

In attesa della vaccinazione di massa, prosegue la lotta all'epidemia in Lombardia. I numeri ufficiali dell'andamento della pandemia sono stati pubblicati, come al solito, nel pomeriggio. Nella giornata di martedì 29 dicembre, a fronte di 11.607 tamponi, sono stati accertati altri 843 casi in tutta la Regione (270 in più rispetto a ieri); il rapporto fra tamponi effettuati e i nuovi positivi è del 7.26%. Tra Milano e hinterland sono state trovate altre 256 persone positive al virus. I dati sono stati resi noti dalla Protezione Civile con il consueto bollettino.

Nelle ultime 24 ore ci sono stati 45 nuovi accessi in terapia intensiva in Lombardia. Il totale dei letti di rianimazione occupati è però diminuito di 14 unità rispetto a ieri, tra decessi e pazienti guariti: ora sono 498 le persone con gravi insufficienze respiratorie ricoverate nelle terapie intensive degli ospedali regionali. In una sola giornata i posti letto occupati dai pazienti meno gravi sono diminuiti di 157 unità per un totale di 3.634 . Negli ospedali della Regione ci sono in tutto 4.132 persone affette da SarsCov2 (171 in meno rispetto a lunedì).

Le persone che si sono negativizzate nelle scorse 24 ore sono 1.141; in totale i lombardi che sono guariti dal covid sono 39.2854. Si allunga la scia di morte provocata dal virus. In una sola giornata ha ucciso altre 49 persone; il totale (ufficiale) è arrivato a quota 24.958.

In Italia sono 11.212 i nuovi casi di coronavirus nelle ultime 24 ore (su 128.740 tamponi eseguiti) e 659 le vittime. I guariti o dimessi sono stati 17.044. Lunedì 28 dicembre erano stati 445 morti e 8.585 nuovi casi ma su appena 68.681 tamponi.

Fontana: con Vaccination Day parte una nuova era

"Oggi è una giornata fondamentale. Si parte per un percorso ancora abbastanza lungo che porterà alla normalità. Verso la riacquisizione delle nostre libertà che abbiamo dovuto sacrificare. Non è però un 'liberi tutti': siamo nel mezzo di un'epidemia ancora in corso, continuiamo a comportarci come sempre con mascherine e distanziamento". Queste le parole di augurio con cui il governatore lombardo Attilio Fontana, ha salutato il via regionale alla campagna vaccinale anti-Covid, avvenuto domenica mattina all'Ospedale Niguarda di Milano. 

 "Dal primo giorno - ha sottolineato il presidente Attilio Fontana, nel corso del punto stampa, tenuto all'esterno della struttura ospedaliera - ho sempre sostenuto che il vero cambio di passo si sarebbe verificato nel momento in cui avremmo avuto a disposizione il vaccino. Oggi è una giornata fondamentale e il nostro primo pensiero va a chi ha perso la vita per il Covid e a chi ha avuto parenti e amici che ne sono stati colpiti. Un pensiero anche a chi ha contribuito a combattere l'epidemia: tutto il mondo sanitario, i volontari, l'Esercito che ha dato un grandissimo aiuto per affrontare varie problematiche”. 

Al 'Vaccination Day' organizzato presso l'ASST Grande Ospedale Metropolitano Niguarda di Milano, con il presidente Fontana presenti l'assessore al Welfare, Giulio Gallera, quello alla Sicurezza, Riccardo De Corato, e il sottosegretario alla Presidenza, Alan Christian Rizzi. Con loro, tra gli altri, anche il capo della Rappresentanza della Commissione Europea del Nord Italia, Massimo Gaudina, e il direttore generale del Niguarda, Marco Bosio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    L'imprenditore milanese che inventa il "buco" per bere dalla mascherina

  • Cultura

    I teatri che a Milano lottano e non vogliono morire

  • Coronavirus

    Come si curano oggi i tossicodipendenti a Milano

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento