Bollettino Milano e Lombardia: triste record di morti, risalgono i contagi

Negli ospedali della Regione ci sono in tutto 7.861 persone affette da SarsCov2

Tornano a salire i contagi da coronavirus in Lombardia. Nella giornata di giovedì 3 dicembre, a fronte di 36.271 tamponi, sono stati accertati altri 3.751 casi in tutta la Regione (326 in più rispetto a ieri); il rapporto fra tamponi effettuati e i nuovi positivi è del 10.34%.

Si allunga anche la scia di morte provocata dal virus. In una sola giornata ha ucciso altre 347 persone: è il triste record della seconda ondata. Un terzo delle morti nelle ultime 24 ore in tutt'Italia si è verificato in Lombardia. Il totale (ufficiale) è arrivato a quota 22.626. Tra Milano e hinterland sono state trovate altre 1.311 persone positive al virus, di cui 495 a Milano città. I dati sono stati resi noti dalla Protezione Civile con il consueto bollettino.

Nelle ultime 24 ore è diminuito il numero di pazienti nelle terapie intensive (-19); in tutta la Regione, complessivamente, ci sono 836 persone nelle rianimazioni con gravi insufficienze respiratorie. Il dato, tuttavia, è un 'saldo' tra i nuovi ingressi, le persone che vengono dimesse e quelle che, purtroppo, muoiono. Sappiamo però, per la prima volta, il numero di nuovi ingressi effettivi: 32 in Lombardia. In una sola giornata i posti letto occupati dai pazienti meno gravi sono diminuiti di 197 unità per un totale di 7.025. Negli ospedali della Regione ci sono in tutto 7.861 persone affette da SarsCov2 (216 in meno rispetto a ieri).

Le persone che si sono negativizzate nelle scorse 24 ore sono 3.869; in totale i lombardi che sono guarite dal covid sono 274.189.

Fontana: "Divieto di spostamenti tra Natale e Capodanno fatto "lunare""

"Leggere un Decreto Legge a sorpresa che impedirà, il 25 e 26 dicembre e il 1 gennaio, lo spostamento dei cittadini fra Comuni della stessa regione anche solo per andare a visitare genitori e figli, mentre si discute di un Dpcm che non ha recepito nessuna delle indicazioni offerte dalle regioni, è un fatto ’lunare’; in perfetta contraddizione con le dichiarazioni sulla leale collaborazione fra Stato e Regioni. Bene ha fatto la Conferenza delle Regioni ad assumere una posizione di forte critica verso contenuti e metodo imposti dal Governo, con un decreto legge notturno che impedisce di dare alcun parere su un Dpcm contraddittorio e non modificabile".

Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, nelle scorse ore. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, la Lombardia è zona arancione: le faq aggiornate per capire cosa si può fare

  • Zona rossa, zona arancione e zona gialla: quando serve l'autocertificazione

  • Coronavirus, fa paura la variante brasiliana del covid, Galli: "È una cosa pesante purtroppo"

  • Milano, la Lombardia è zona rossa: le faq aggiornate per capire cosa si può fare

  • Lombardia verso la zona rossa da lunedì 18 gennaio

  • Milano, il negozio vieta l'ingresso "alle persone vaccinate di recente": il cartello diventa virale

Torna su
MilanoToday è in caricamento