menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Repertorio

Repertorio

Bollettino contagi coronavirus 8 agosto: 3 morti in Lombardia, a Milano città 9 nuovi casi

I tamponi effettuati sono stati 6.382 (totale complessivo: 1.358.872). I nuovi casi sono 76 

Prosegue la lotta al coronavirus in Lombardia. Il bollettino ufficiale di sabato 8 agosto parla chiaro: aumentano i guariti e dimessi (+171), diminuiscono i ricoveri (-8) e nessun contagio a Lecco e Pavia. Relativamente al numero dei nuovi 'positivi', la Regione evidenza che tra i 9 casi rilevati in provincia di Mantova è compresa la parte (oggi comunicata dai laboratori a Regione Lombardia) dei soggetti riferibili al focolaio di cui è stata data notizia martedì 4 agosto.

I tamponi effettuati sono stati 6.382 (totale complessivo: 1.358.872). I nuovi casi positivi sono 76  (di cui 11 'debolmente positivi' e 1 a seguito di test sierologico). I guariti/dimessi salgono a un totale complessivo di 74.403  (+171 ), di cui 72.980 dimessi e 1.423 guariti. In terapia intensiva restano 9 pazienti. I ricoverati non in terapia intensiva sono 162 (-8 ). I morti nelle ultime 24 ore sono aumentati di 3. I decessi nel totale complessivo sono 16.832.

I casi per provincia. A Milano sono 24, di cui 9 a Milano città. Bergamo: 7 e Brescia: 5. E ancora Como e Sondrio: 1. Cremona, Monza e Brianza: 2 casi. Lodi 3 e Varese 7. A Mantova sono 20 i nuovi casi, mentre Lecco e Pavia non hanno registrato casi.

Bollettino coronavirus del 8 agosto-2

Piano operativo contro covid-19

'Novità importanti per la rete dell'assistenza territoriale in relazione agli aspetti di sorveglianza epidemiologica, al monitoraggio e alla tempestiva presa in carico dei casi positivi al fine di contrastare la diffusione del Covid 19'. L'assessore al Welfare Giulio Gallera sintetizza così le finalità 'Piano operativo' varato oggi dalla Giunta regionale, che completa il quadro delle azioni anti Covid programmate e messe in atto da Regione Lombardia in questi mesi. Un 'Piano' elaborato a seguito di un approfondito confronto con i rappresentanti degli Ordini dei Medici e degli Infermieri, dei Sindacati Confederali lombardi, dell'Anci, e con il Comitato Tecnico Scientifico e le Direzioni strategiche delle Ats e delle Asst.

L'attivazione del sistema di monitoraggio avviene attraverso: i datori di lavoro, con la misurazione della temperatura quotidiana dei dipendenti e la successiva segnalazione ai medici di riferimento; il sistema della medicina territoriale (MMG, Pediatri, medici di continuità assistenziale) a seguito del riscontro/segnalazione di sintomatologia sospetta da parte dei cittadini/assistiti.

'Punto cardine della diagnosi è l'esecuzione dei tamponi, che avviene entro 48 ore dalla segnalazione, per la conferma di un caso - aggiunge l'Assessore Gallera - mentre il contact tracing è l'attività che sta alla base del contenimento dei casi secondari. Il tampone in ambito extra ospedaliero a partire da settembre verrà prenotato direttamente da parte di Medici di famiglia e di Continuità assistenziale, Pediatri, medici Usca, Medici Competenti, medici delle Strutture socio - sanitarie residenziali, contestualmente alla segnalazione del caso sull'apposito cruscotto informativo'.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento