Bollettino coronavirus: 5mila contagi in Lombardia, boom di ricoveri. Ecco la situazione

A fronte di 29.960 tamponi sono stati trovati 5.035 casi. Ecco come sta procedendo la pandemia

Non si è fermato il coronavirus in Lombardia e la situazione è sempre più critica. Nella giornata di martedì 27 ottobre sono stati accertati altri 5.035 casi in tutta la Regione (a fronte di 29.960 tamponi). Tra Milano e hinterland sono state trovate altre 1.940 persone positive al virus arrivato dalla Cina. I dati sono stati resi noti dalla Protezione civile con il consueto bollettino.

Sono sempre più sotto stress i reparti di terapia intensiva dedicati ai pazienti covid. Nelle ultime 24 ore si sono registrati altri 29 ricoveri; in totale i reparti di rianimazione stanno curando 271 casi. Impennata di ricoveri nelle strutture sanitarie: in una sola giornata i posti letto occupati dai pazienti sono aumentati di 256 unità per un totale di 2.715. Negli ospedali della Regione ci sono in tutto 2986 persone affette da SarsCov2.

Si allunga la scia di morte provocata dal virus. In una sola giornata ha ucciso altre 58 persone; il totale (ufficiale) è arrivato a quota 17.310.

Iscriviti al canale YouTube di MilanoToday: video gratis e anteprime

Fontana: ordinanza lombarda rigorosa ma equilibrata

"Continuo a ritenere l'ordinanza di Regione Lombardia, seppur rigorosa, molto equilibrata nella ricerca di tutele per quegli imprenditori che avevano fatto ogni sforzo per rendere le proprie attività sicure e compatibili con le regole anti Covid". Lo scrive il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, nelle scorse ore, parlando delle strette in Italia per arginare l'avanzata del virus.

"Per questo motivo ho rappresentato, sia nella sede della Conferenza delle Regioni, sia nel confronto con il Governo - prosegue il governatore - seri dubbi verso le chiusure di teatri e cinema, bar e ristoranti, palestre e piscine contenuti nel dpcm. Mi sento, quindi, impegnato ora a pressare il Governo per rendere immediati i ristori per queste categorie annunciati domenica dal Presidente Conte. E mi sento anche impegnato, insieme alla mia Giunta, a ricercare ogni modalità utile ad integrare quelle risorse. Non è il momento di fare polemiche né, tantomeno, di allentare la nostra determinazione nella lotta al virus. Oggi si tratta di fare scelte efficaci e comprensibili per i cittadini, in uno spirito di collaborazione istituzionale fra i diversi livelli di governo dei territori, abbandonando convenienze di parte".

"L'unica bussola da seguire - conclude Attilio Fontana - deve essere quella della salute dei cittadini e della tenuta della vita economica e sociale delle nostre comunità. Ogni scelta che non tenesse conto di queste priorità potrà offrire magari un premio effimero sui media ma nessun reale vantaggio per i nostri concittadini". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, file e corse per le scarpe della Lidl (comprate a 12.99 e già in vendita a 200 euro)

  • Milano, spacca vetrata all'Esselunga e cerca di rubare i soldi dalle casse: preso

  • Incendio a Cologno, fiamme ed esplosioni nel condominio: casa distrutta, palazzo evacuato

  • Bresso (Milano), due agenti della polizia locale accoltellati: uno è grave

  • Coronavirus, dal 27 novembre la Lombardia vuole diventare zona arancione. Cosa cambia

  • Violenza sessuale a Milano, ragazza stuprata dal cugino del padre: "Se parli ti taglio la testa"

Torna su
MilanoToday è in caricamento