rotate-mobile
Giovedì, 27 Gennaio 2022
Coronavirus

Bollettino coronavirus 3 ottobre: 393 positivi, 101 a Milano. 5 morti e + 3 in terapia intensiva

I dati ufficiali forniti da regione Lombardia sull'andamento dell'epidemia di coronavirus

Altra giornata di battaglia al coronavirus quella di sabato 3 ottobre per Milano e tutta la Lombardia. Stando al bollettino diffuso dalla regione alle 16.50 i nuovi positivi nelle ultime 24 ore sono 393 su 18.860 tamponi effettuati. Il rapporto è quindi al 2%. Tra i nuovi infetti, "64 sono debolmente positivi" e 4 sono stati scoperti a seguito di test sierologico. Venerdì i positivi erano stati 307 su 19.842, con un rapporto dell'1,5%.

I dimessi e guariti crescono di 392 e i ricoverati nei reparti ordinari - che ora accolgono 293 persone - calano di 9 pazienti. Crescono, invece, i ricoveri in terapia intensiva: +3 in un giorno e 42 letti occupati al momento. Crescono purtroppo anche i decessi: sono 5 i morti nelle ultime 24 ore, con il tragico bilancio arrivato a quota 19.969 dall'inizio dell'epidemia. 

Tra i nuovi positivi 160 sono stati scoperti tra Milano e la provincia: tra loro ben 101 soltanto sotto la Madonnina. A Monza e Brianza, seconda provincia in termini assoluti per nuovi contagi, sono 48. 

bollettino 3 ottobre-2

I dati continuando quindi a indurre alla cautela e a tenere alta la guardia perché gli strascichi della "bomba atomica" - come l'hanno più volte definita i vertici regionali - non sono ancora passati. 

La polemica sui vaccini

Proprio nella giornata di sabato è esplosa la polemica, l'ennesima, tra regione Lombardia e comune di Milano. Motivo del contendere i vaccini anti influenzali, quanto mai necessari in piena emergenza covid. Dopo le discussioni per i ritardi e per la presunta mancanza di dosi - sempre smentita dall'assessore al welfare lombardo, Giulio Gallera -, sabato mattina a sganciare la bomba è stata Anna Scavuzzo, vincesindaco meneghino. 

"La Regione Lombardia non dà i vaccini al Comune di Milano", il suo j'accuse contenuto in un lungo - e duro - post su Facebook. "Voltafaccia di Regione Lombardia che ammette di non poter affrontare una vaccinazione massiccia della popolazione perché non ha abbastanza dosi di vaccino. E questo dopo settimane di incontri, approfondimenti, bozze di accordi e richieste di disponibilità che hanno visto il Comune di Milano attivamente e fattivamente coinvolto nel proporre la vaccinazione anti influenzale al più alto numero possibile di milanesi, coinvolgendo anche tutti i propri lavoratori e lavoratrici", ha spiegato il vicesindaco.

Immediata la replica di Gallera: "È davvero triste che la vice sindaco di Milano pieghi la sua carica istituzionale a una polemica politica ingiustificata e strumentale. Regione Lombardia coprirà gratuitamente, come tutte le altre Regioni, con il vaccino antinfluenzale le fasce target della popolazione stabilite dal Ministero della Salute", ha risposto l'assessore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bollettino coronavirus 3 ottobre: 393 positivi, 101 a Milano. 5 morti e + 3 in terapia intensiva

MilanoToday è in caricamento