Covid, vietato condividere bottigliette di plastica: il Comune regala borracce agli alunni

Succede a Sesto San Giovanni

Boorracce gratuite a tutti gli alunni che stanno ancora andando a scuola. Succede a Sesto San Giovanni e l'iniziativa è del Comune. Le norme anti-covid hanno infatti vietato la condivisione di bottiglie d'acqua durante il pranzo in mensa. Pertanto l'amministrazione comunale ha deciso di dare a ogni bambino una borraccia in modo da evitare scambi e contatti esterni che in questa fase potrebbero comportare dei rischi.

"È stato tenuto in considerazione anche l'importante aspetto ecologico e l'impatto che l'uso di circa quattromila bottigliette di plastica al giorno causerebbe all'ambiente", commentano il sindaco Roberto Di Stefano e l'assessore alle Politiche Sociali, Roberta Pizzochera. "Per questo motivo la scelta è ricaduta su borracce eco-compatibili che i bambini potranno usare singolarmente durante tutto l'arco della giornata a scuola. L'ente, per effetto delle norme anti-covid, ha subìto una lievitazione dei costi per il servizio mensa, ma ha scelto tuttavia di non far ricadere questi aumenti sulle rette delle famiglie".

"In ogni caso, questa soluzione sarà valida per l'intero periodo di emergenza covid che ci auguriamo tutti possa durare il meno possibile, dopodiché si tornerà come prima all'utilizzo delle bottiglie d'acqua", concludono sindaco e assessore del Comune a nord di Milano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, file e corse per le scarpe della Lidl (comprate a 12.99 e già in vendita a 200 euro)

  • Milano, spacca vetrata all'Esselunga e cerca di rubare i soldi dalle casse: preso

  • Incendio a Cologno, fiamme ed esplosioni nel condominio: casa distrutta, palazzo evacuato

  • Bresso (Milano), due agenti della polizia locale accoltellati: uno è grave

  • Coronavirus, dal 27 novembre la Lombardia vuole diventare zona arancione. Cosa cambia

  • Violenza sessuale a Milano, ragazza stuprata dal cugino del padre: "Se parli ti taglio la testa"

Torna su
MilanoToday è in caricamento