Coronavirus, Flavio Briatore sarà dimesso dal San Raffaele: "Migliorate le sue condizioni"

Flavio Briatore era ricoverato nella struttura sanitaria da martedì 25 agosto. I dettagli

Flavio Briatore sarà dimesso dall'ospedale San Raffaele di Milano nella giornata di sabato 29 agosto. Lo ha reso noto lo stesso ospedale attraverso una nota in cui ha precisato che "Le condizioni cliniche generali consentono al paziente di continuare la terapia in isolamento domiciliare, come previsto in caso di positività al Coronavirus".

Flavio Briatore malato di Covid

Flavio Briatore era stato ricoverato nella giornata di martedì 25 agosto dopo essere ritornato a Milano da Montecarlo nella serata di lunedì. L'ufficialità della sua positività al tampone era arrivata mercoledì, come comunicato dall'Irccs mercoledì. 

L'imprenditore, come precisato dal nosocomio, si era rivolto all'ospedale per una "specifica patologia diversa da covid-19" ma era stato "sottoposto al tampone" prima del ricovero "come tutti i pazienti".

Nel suo locale in Costa Smeralda, il Billionaire, le autorità sanitarie hanno scoperto un focolaio di covid-19, con diversi contagi tra il personale e collaboratori.

Briatore qualche mese fa: "Ho già passato il coronavirus"

Briatore, in diverse interviste dei mesi scorsi durante il lockdown, aveva più volte affermato "di aver probabilmente passato il virus". "A dicembre sono stato malissimo. Il mio medico dopo mi ha chiamato e mi ha detto 'hai fatto il coronavirus'", aveva detto a L'aria che tira, su La7. "A dicembre per 10 giorni, ho avuto febbre alissima, dolore ai polmoni, fatica a respirare. Non capivamo col mio medico cosa stesse succedendo. Sono andato a Milano, abbiamo fatto lastre e Tac che ha evidenziato un'ombra: col senno di poi, io sono stato un po' il pioniere, quando è esploso il virus il dottor Zangrillo mi ha chiamato e mi ha detto 'visti i dati di tutti quanti e visti i risultati della Tac, hai fatto il coronavirus'", aveva affermato.

"Io sono stato sempre in giro, un po' dappertutto: Dubai, Bahrain, Arabia Saudita. Avevo la febbre a 39,6, prendevo la tachipirina e scendeva a 39,2. Dolori dappertutto e stanchezza, ma sono stato molto fortunato perché non ho avuto bisogno dell'ossigeno e a casa mia non si è ammalato nessuno", aveva sottolineato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, Lombardia diventa zona arancione: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • La Lombardia diventa zona arancione: adesso è ufficiale. Ecco da quando e cosa cambia

  • Vitamina D, che cosa mangiare per farne il pieno

  • Milano, festa al parchetto con gli amici: mix di alcol e droga, ragazzina 16enne in coma

  • Covid, Milano si sveglia in zona arancione: riaprono i negozi. Galli: "Scelta politica"

  • "Ve matamos a todos", poi calci e pugni: il folle assalto della 'gang', 5 poliziotti feriti in metro

Torna su
MilanoToday è in caricamento