rotate-mobile
Coronavirus

Covid, i carabinieri bloccano due partite di calcetto "clandestine": multati in 19

Il blitz in una struttura del Pavese: multato anche il gestore

Sorpresi a giocare a calcetto in un centro sportivo, nonostante il chiaro divieto per l'emergenza Covid. Inevitabile la multa per diciannove giovani del Pavese, "beccati" in flagranza dai carabinieri nel tardo pomeriggio di martedì 9 febbraio. E' successo a Garlasco, all'ex centro sportivo Grg di via Pagliazzo.

I militari sono intervenuti probabilmente su una segnalazione: recatisi sul posto hanno sorpreso i diciannove ragazzi, di età compresa tra 18 e 23 anni, originari di Garlasco, Dorno e Ferrera Erbognone, intenti a giocare a calcetto nei due campi coperti della struttura. La normativa anti Covid è chiara: sono vietati gli sport di contatto in ambito amatoriale e dilettantistico. 

Inevtabile, quindi, la sanzione per i giovani, sulla base del Dpcm del 14 gennaio, così come per il gestore della struttura sportiva. I carabineri hanno poi inoltrato la segnalazione del fatto alla prefettura di Pavia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid, i carabinieri bloccano due partite di calcetto "clandestine": multati in 19

MilanoToday è in caricamento