menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il brigadiere Anastasi - Foto da pagina Fb del comune di Galati di Mamertino

Il brigadiere Anastasi - Foto da pagina Fb del comune di Galati di Mamertino

Coronavirus, morto un altro carabiniere: addio a Calogero, "era umile e disponibile con tutti"

Morto al San Raffaele il brigadiere Calogero Anastasi. È il decimo militare a perdere la vita

Ha lottato a lungo. Ha cercato di restare attaccato alla vita senza mai mollare, ma alla fine ha dovuto arrendersi. Calogero Anastasi, brigadiere dei carabinieri, è morto martedì mattina all'ospedale San Raffaele di Milano a causa di un'infezione da Coronavirus

Originario di Galati di Mamertino, nel Messinese, 53 anni, Calogero lascia una moglie e due figli di 23 e 28 anni. Dopo il periodo di formazione alla scuola allievi carabinieri di Iglesias, il brigadiere aveva preso servizio in Lombardia, dove ha lavorato praticamente per tutta la vita prima come addetto in diverse stazioni del Pavese e poi come effettivo del nucleo comando della compagnia di Vigevano dal lontano 1996. 

"Ha lottato anche lui contro il Covid-19 sino alla fine. Oggi tutta l’Arma dei Carabinieri piange la scomparsa del Brigadiere Calogero Anastasi", il ricordo dell'Arma, che ha già perso dieci suoi uomini nella battaglia contro il virus. "Ha rappresentato per tutti i suoi colleghi e per i cittadini un sicuro punto di riferimento - il commiato del comando generale -. A sua moglie e ai suoi due figli un immenso abbraccio e tutta la vicinanza della grande famiglia dell’Arma. Ciao Calogero". 

"L'amministrazione Comunale galatese si stringe attorno alla famiglia e partecipa al dolore per la scomparsa del compianto brigadiere Calogero Anastasi - è invece il pensiero che arriva dal comune di Galati Mamertinoa, suo paese -. Apprendiamo sgomenti la notizia della scomparsa di Calogero, amato e apprezzato per la sua grande professionalità sia a Vigevano, dove prestava servizio ormai da anni, che a Galati Mamertino, suo paese d'origine al quale è rimasto sempre profondamente legato. A sua moglie, ai suoi due figli e ai familiari un immenso abbraccio e tutta la vicinanza da parte della comunità galatese". 

Dall'Arma alla Sicilia passando per il Pavese, la sua seconda casa. Anche la croce rossa di Gambolò ha infatti voluto dire addio al "brigadiere Calogero Anastasi, un uomo apprezzato per la sua disponibilità e la sua umiltà. Ciao Caló". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento