rotate-mobile
Coronavirus

Cosa cambia se la Lombardia finisce in zona arancione

Quali sono le differenze tra zona gialla e arancione

La Lombardia vede la zona arancione. Nelle scorse ore anche il governatore Attilio Fontana ha ammesso che "la direzione è quella" e i numeri sembrano dargli ragione, con la Lombardia che dopo il passaggio in zona gialla potrebbe ritrovarsi nel giro di pochi giorni a un ulteriore salto all'indietro. 

I parametri per i cambi di colore delle regioni italiane sono stati ridisegnati durante il consiglio dei ministri numero 30 dello scorso 22 luglio: per passare dal giallo all'arancione - stando a quanto deciso dall'esecutivo guidato dal premier Mario Draghi - servono un'incidenza superiore ai 150 casi per ogni 100mila abitanti e un riempimento oltre il 30% dei reparti ordinari e del 20% per le terapie intensive. In regione l'incidenza è ormai totalmente fuori controllo, sopra quota 2.500. I tassi di occupazione degli ospedali preoccupano: l'area non critica è già superiore al 30%, le terapie intensive sono attorno al 16%. Numeri che testimoniano la nuova ondata dell'epidemia di covid e che, nel giro di una decina di giorni, potrebbero spingere la Lombardia in arancione

Differenze zona gialla zona arancione

Ma cosa cambierebe con il passaggio in zona arancione? Quali nuovi divieti e restrizioni dovrebbero affrontare i milanesi e i lombardi? 

Per i vaccinati e i guariti - quindi in possesso del super green pass - le differenze sono praticamente nulle. Resta l'obbligo di indossare la mascherina anche all'aperto e non ci sono nuovi paletti. Per tutti viene confermato l'obbligo di super green pass per i mezzi a lunga percorrenza e per i mezzi pubblici cittadini, oltre che la possibilità di muoversi liberamente tra comuni e regioni. 

Discorso diverso, invece, per chi non si è vaccinato. In zona arancione, infatti, chi non ha il green pass potrà superare i confini comunali - e regionali - soltanto per "necessità, salute o per servizi non disponibiliti nel proprio comune", con il ritorno dell'autocertificazione in caso di controllo delle forze dell'ordine. Chi ha il green pass base - quindi ottenuto con un tampone - può invece muoversi liberamente.

Consentito anche a chi è sprovvisto di green pass di spostarsi da comuni di massimo 5mila abitanti verso altri comuni entro i 30 chilometri, con l'eccezione però del capoluogo di provincia. 

Altro divieto per i non vaccinati: in arancione chi non ha il green pass non può entrare nei negozi presenti nei centri commerciali nei giorni festivi e prefestivi. Lo stesso stop vale anche per chi è in possesso del green pass base, quindi ottenuto con il tampone. Per entrare nei centri commerciali nei weekend e nei giorni prefestivi, in caso di passaggio in zona arancione, servirà quindi il super green pass. 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cosa cambia se la Lombardia finisce in zona arancione

MilanoToday è in caricamento