rotate-mobile
Coronavirus

Covid, scoperto un inibitore che potrebbe bloccare la riproduzione del virus

La ricerca del dipartimento di Chimica del Politecnico di Milano

E' stato scoperto a Milano un metodo che potrebbe bloccare la replicazione del virus responsabile della Sars-CoV-2. La scoperta è dovuta a un gruppo di ricercatori del Politecnico e potrebbe costituire un importante passo in avanti nella lotta al Covid. I risultati della sperimentazione sono stati pubblicati su New Journal of Chemistry. 

Tutto ruota intorno alla proteina Mpro, che gioca un ruolo importante nella replicazione e trascrizione del virus, una volta che questo è entrato nella cellula ospite. L'azione di questa proteina verrebbe bloccata da un composto denominato Ebselen, rivelatosi l'inibitore più potente di Mpro in uno studio che ha esaminato qualcosa come diecimila diversi composti, grazie al suo atomo di selenio. 

«Abbiamo individuato che l’atomo di selenio di Ebselen interagisce fortemente con alcuni gruppi tipicamente presenti nelle proteine attraverso il legame calcogeno, un’interazione che da anni è oggetto di studio nei nostri laboratori, inibendo la replicazione del virus. Questo rappresenta un importante passo avanti nella lotta al Covid-19», commenta Giuseppe Resnati, del dipartimento di Chimica, Materiali e Ingegneria Chimica del Politecnico. 

Il selenio giocherebbe, secondo lo studio, un ruolo fondamentale nelle interazioni che favoriscono Ebselen nel legarsi a Sars-CoV-2 e anche ad altri retrovirus come quelli responsabili dell'Hiv e dell'Epatite C.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid, scoperto un inibitore che potrebbe bloccare la riproduzione del virus

MilanoToday è in caricamento