menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Repertorio

Repertorio

Usura e offerte acquisto a prezzi stracciati: "A Milano + 59% crimini subiti da imprese"

L'allarme lanciato da Confcommercio Milano, Lodi, Monza e Brianza

Con la crisi innescata dalla pandemia si registra "criminalità in aumento per il 58% delle imprese". A dirlo Confcommercio Milano, Lodi, Monza e Brianza, che evidenzia anche come per l'86% delle aziende sia necessaria una maggior presenza delle forze dell’ordine sul territorio e come il 45% indichi una crescita dei fenomeni di usura o di offerte d’acquisto a prezzi inferiori a quelli di mercato.

I dati emergono dal sondaggio di aggiornamento compiuto da Confcommercio Milano, Lodi, Monza e Brianza con le risposte di 773 imprese e i cui dati sono stati elaborati dall’Ufficio Studi. Un riscontro di incremento degli episodi criminali che va dal 57% di Milano città, al 59% nell’hinterland milanese fino al 65% per Monza Brianza.

Sul totale dei rispondenti al sondaggio – anche al di fuori di Milano e Monza Brianza o senza specificare la località - furti e scippi (38%), spaccio di droga (31%) e danneggiamenti (28%) sono gli atti criminali maggiormente rilevati. Il 3% ha indicato le estorsioni. Il 44% delle imprese di Milano città segnala furti e scippi (hinterland milanese 43%) mentre è da Monza Brianza (46%) che arrivano più indicazioni riguardo all’aumento dello spaccio di droga (hinterland milanese 40%, Milano città 32%). I danneggiamenti, poi, impattano senza differenze su Milano città (33%), hinterland milanese (32%) e Monza Brianza (33%).

Per il 45% delle imprese sono inoltre aumentati i fenomeni di usura o le offerte d’acquisto delle aziende ad un valore inferiore a quello di mercato (fenomeni legati al prolungarsi dell’impatto economico generato dall’emergenza Covid). Su questa tendenza più risposte (50%) da Monza Brianza, mentre il 46% a Milano città e il 41 % nell'hinterland.

L’86% delle imprese ritiene necessaria sul territorio una maggior presenza delle forze dell’ordine, il 90% di quelle dell'hinterland milanese, 87% in città e il 77% a Monza Brianza). E il 76% reputa che la presenza dei militari nelle strade costituisca una forma di prevenzione efficace del crimine (Milano città 77%, Monza Brianza 76%, hinterland milanese 74%).

“Questo sondaggio d’aggiornamento, oltre a dare un riscontro generale di maggior impatto della criminalità negli ultimi anni, conferma soprattutto la rilevanza di reati, come i danneggiamenti, che sono ‘spia’ di situazioni da monitorare con grande attenzione. E una percentuale significativa di operatori denuncia una crescita di usura o offerte ‘irrituali’ di acquisto. Un allarme che accende di nuovo i riflettori sulla grande sofferenza delle imprese per la crisi generata dalla pandemia” è il commento di Mario Peserico, vicepresidente di Confcommercio Milano, Lodi, Monza e Brianza con competenza sui temi della legalità.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

La Lombardia torna in zona arancione, la decisione

Coronavirus

Che fine farà lo smart working a Milano dopo la pandemia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cologno

    Le sette caprette salvate a Cologno (Milano)

  • Sport

    Il nuovo logo dell'Inter

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento