menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, dove è vietato volare per gli italiani e i lombardi oggi

L'epidemia di Coronavirus ha indotto diversi Paesi a vietare i viaggi aerei dall'Italia. Alcune compagnie aeree riducono o annullano i collegamenti. Vari Stati mettono in quarantena gli italiani

L'Italia ha "scalato" in pochi giorni la triste classifica della diffusione del Coronavirus arrivando al terzo posto dopo Cina e Corea del Sud, con più di 2 mila casi confermati di contagio. Il nuovo virus influenzale, finora sconosciuto, sta provocando una drastica riduzione dei viaggi globali non necessari, con un calo vistoso delle prenotazioni aeree e conseguenze ancora non del tutto stimabili sul turismo; ma sta anche provocando, da parte degli altri Paesi, notevoli restrizioni nei confronti degli italiani o di chi proviene dall'Italia. Allo stesso tempo, diverse compagnie aeree stanno annullando i voli per Malpensa o diminuendo la frequenza dei collegamenti, vuoi per ragioni di prevenzione vuoi perché effettivamente le prenotazioni sono crollate. Ryanar, Lufthansa, American Airlines e Delta sono alcuni esempi.

Divieti e quarantene, obbligatorie o consigliate

I viaggiatori italiani o provenienti dall'Italia non possono entrare in Israele (il pirmo ad avere posto restrizioni), Giordania, Arabia Saudita (il divieto vale anche per i musulmani in pellegrinaggio), Bahrein, Iraq, Kuwait, Libano, Capo Verde, Giamaica, Figi, Solomone, Nauru, Isole Marshall, Madagascar, Mauritius (solo per Lombardia, Emilia e Veneto), Angola, Seychelles, Turkmenistan, Tuvalu, Isole Cook.

Molti altri Paesi hanno disposto invece la quarantena di due settimane per chi proviene dall'Italia, o sono intenzionati a farlo. La Romania, in Europa, lo ha già deciso per chi proviene da Lombardia e Veneto, Hong Kong anche per chi proviene dall'Emilia Romagna, mentre la Tunisia raccomanda la quarantena per chi proviene dal focolaio (la zona rossa del Lodigiano e il Comune di Vo' in Veneto). La quarantena precauzionale per chi proviene dall'Italia, invece, è stata disposta da Palestina, India, Cina, Taiwan, Nuova Zelanda, Tagikistan, Kazakhistan, Kirghizistan, Vietnam, Ciad, Eritrea e Santa Lucia. Ci stanno pensando Tunisia e Panama. Solo "suggerita" la quarantena per chi proviene da Lombardia, Veneto, Emilia e Piemonte ed è diretto a Malta, Bulgaria, Estonia e Principato di Monaco (in questo caso, escluso il Piemonte). 

Numerosi Paesi (tra cui diversi europei) hanno istituito controlli sanitari serrati negli aeroporti e in qualche caso (la Germania) un questionario per chi arriva dal Nord Italia. In Europa si è sottoposti a controlli se si va in Bileorussia, Russia, Georgia, Grecia, Cipro, Croazia, Kosovo, Lituania, Moldavia, Montenegro, Polonia, Macedonia del Nord, Repubblica Ceca, Slovacchia, Ucraina, Ungheria. Stessa scelta per alcuni Paesi americani (Brasile, Cile, Colombia, Cuba, Ecuador, Messico) e del resto del mondo (Kenya, Malaysia, Senegal, Sudafrica e Zambia). Il questionario (a volte associato ai controlli) riguarda invece Germania, Bielorussia, Bulgaria, Marocco, Montenegro, Macedonia del Nord, Lettonia, Nicaragua, Repubblica Dominicana, Sudafrica, Tunisia e Argentina.

L'isolamento per due settimane è imposto a chi proviene dal Nord Italia e presenta sintomi influenzali se arriva in Irlanda, Regno Unito e Lussemburgo. Quanto agli Stati Uniti, sono stati annunciati rigidi controlli per chi proviene dall'Italia e sono stati vivamente sconsigliati i viaggi nel nostro Paese da parte degli statunitensi. Lo stesso consiglio viene rivolto anche da altri Paesi, che sconsigliano viaggi in Italia. Tra questi la Russia, la Croazia, la Francia e la Spagna.

La questione dei collegamenti aerei

Ryanair ha annunciato che, dal 17 marzo all'8 aprile, manterrà in essere solo il 25% dei collegamenti aerei a corto raggio da e per Milano Malpensa. American Airlines ha invece sospeso i voli tra Malpensa e gli aeroporti americani di Miami e New York (Jfk) fino al 25 aprile, motivando la decisione con un drastico calo della domanda. Stessa scelta per Delta: lo stop in questo caso parte il 3 marzo e durerà fino al 1 maggio, sulla rotta Malpensa-New York Jfk, mentre i collegamenti tra Roma e New York e tra Roma e Atlanta continuano regolarmente. Un'altra compagnia che collega Milano e New York, la United, non ha ancora annunciato provvedimenti precisi ma, sempre per il calo della domanda, ha fatto sapere che riprogrammerà i suoi voli sia interni agli Usa sia "atlantici".

Il calo della domanda è la motivazione ufficiale anche per i tagli operati da Lufthansa. La compagnia tedesca ha ridotto i collegamenti con Milano, Venezia, Roma, Torino, Verona, Bologna, Ancona e Pisa, mentre ha sospeso quelli con la Cina e la capitale iraniana Teheran. Ma ha anche annunciato la riduzione dei collegamenti interni tedeschi. E anche Easyjet ha ridotto le frequenze di alcuni voli. In questo caso anche il collegamento tra Milano e Lamezia Terme.

Attenzione ai rimborsi per i voli cancellati

Non è scontato che si possa ottenere un rimborso per un biglietto acquistato se il volo è stato cancellato in questi giorni dalla compagnia aerea. Ryanair ha reso noto che il risarcimento del biglietto avviene solo per le tratte annullate per volontà di un governo: è il caso dei Paesi che non accettano più viaggiatori dall'Italia. Per Ryanair questo riguarda i viaggi da e per Giordania, Israele, Montenegro e Georgia; per Easyjet, da e per Israele

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona gialla: le faq aggiornate e le regole per capire cosa si può fare

Coronavirus

Cos'è la "certificazione verde" per uscire dalla Lombardia e come si ottiene

Coronavirus

Vaccini covid, il 22 aprile partono le prenotazioni per i 60-64enni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Elezioni comunali 2021

    Il nostalgismo

  • Porta Nuova

    In piazza Gae Aulenti è comparso un enorme caprone di legno

  • Cologno

    Le sette caprette salvate a Cologno (Milano)

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento