rotate-mobile
Giovedì, 20 Gennaio 2022
Coronavirus Fiera

Coronavirus, la dottoressa che scoprì il primo caso al lavoro in Fiera

Annalisa Malara dall'11 novembre lavora all'ospedale della Fiera di Milano

La dottoressa che ha scoperto il primo paziente covid in Italia, da mercoledì 11 novembre lavora all'ospedale della Fiera di Milano. Ad annunciarlo in conferenza stampa, il direttore del Padiglione del Policlinico della Fiera, Nino Stocchetti.

Ospedale in Fiera

“L’ospedale di Lodi, più colpito nella prima ondata, sta restituendo con molta generosità gli aiuti che ha ricevuto - ha affermato Stocchetti -. Qui giusto ieri sono arrivati tre medici di Lodi. Tra cui c’è un'altra collega volontaria, la dottoressa Annalisa Malara, che ha scoperto il covid in Italia ed è stata fatta cavaliere della Repubblica. Per me è motivo di grande gratitudine che questi colleghi siano venuti qui”. 

Stocchetti ha voluto poi chiarire che nessun "medico o infermiere è stato 'deportato' qui al Padiglione del Policlinico in Fiera, come si è sentito dire. Tutti coloro che sono venuti qui a lavorare, si sono offerti volontariamente, e la lista di chi si è proposto è lunga".

Per far funzionare il Padiglione Fiera è stata scelta la modalità del 'mutuo soccorso'. Gli ospedali più piccoli inviano i loro medici a supportare quelli più grandi che a loro volta mandano i loro rianimatori a far funzionare i moduli all'ospedale della Fiera.

"Il Policlinico ha portato qui 14 medici, un gruppo di anestesisti del Pini è andato a rafforzare il Policlinico - ha precisato Stocchetti -. Il San Gerardo di Monza e il Niguarda mi hanno mandato sette colleghi alla volta, chiedendo un aiuto a loro volta ad ospedali più piccoli. La difficoltà è non sguarnire gli altri ospedali, spero che saremo giudicati dai risultati. Abbiamo sessanta medici, se tutto andrà come speriamo ne avremo circa 80-100".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, la dottoressa che scoprì il primo caso al lavoro in Fiera

MilanoToday è in caricamento