menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Medici a Londra lasciano tutto per tornare a Milano: "Vogliamo aiutare dove c'è bisogno"

G. ed M. sono rientrate in Italia dopo aver sentito che la situazione legata al Covid-19 è diventata drammatica

Sono giovani specializzande in medicina interna e si trovavano a Londra per un progetto di ricerca. Nell'arco di pochi giorni G. ed M. - eroine che hanno preferito l'anonimato - hanno rinunciato a tutto per tornare a Milano e combattere in prima linea la battaglia al Covid-19. "Quando abbiamo sentito come era la situazione in Lombardia - raccontano a MilanoToday - abbiamo deciso di rientrare in Italia".

Le due dottoresse, che hanno entrambe 30 anni, si sono conosciute a Londra, dove da diversi mesi stavano facendo ricerca per la tesi in un ospedale. "Ovviamente - dicono le due - abbiamo degli amici negli ospedali di Milano e i nostri colleghi ci hanno raccontato che il carico di lavoro era diventato insostenibile, dipingendo un quadro drammatico. A quel punto ci è sembrato giusto lasciare da parte la nostra ricerca per dedicarci alla clinica e abbiamo chiesto di rientrare. Se sei un medico senti il bisogno di aiutare dove c'è bisogno".

G., milanese, ed M., siciliana, a metà marzo sono rientrate a Milano, città dove tutte e due hanno studiato, non senza qualche difficoltà. "Lasciare tutto nel giro di così poco tempo è stato molto impegnativo dal punto di vista emotivo - ricordano le dottoresse -. Abbiamo fatto la valigia nel giro di qualche giorno e poi abbiamo cercato un volo. Ma i pochi disponibili non avevano più posto. A quel punto l'ambasciata ci ha supportate nella ricerca".

Le due ragazze ora si trovano a Milano in isolamento ma finito il periodo di quarantena torneranno negli ospedali di appartenenza, entrambi in città. Al momento non sanno ancora se lavoreranno con pazienti Covid perché nei nosocomi i medici vengono ridistribuiti di giorno in giorno per fare fronte all'emergenza. "Ci terremmo a raccontare una cosa del nostro rientro - precisano le ragazze -. A Londra abbiamo riscontrato uno scarso livello di allerta del personale di terra della compagnia aerea, che non indossava né mascherina né guanti. Una volta a Fiumicino, poi, in aeroporto non sono state fornite informazioni ai passeggeri che erano con noi in merito all'obbligo di osservare un periodo di auto isolamento perché entrati a contatto con persone potenzialmente contagiose. Anche i controlli della temperatura erano effettuati solo a campione".

"Vista la mancanza di personale sanitario - conclude M. - vogliamo dare una mano qui. Essere in Italia per noi è anche una sicurezza personale: non condividiamo il modo in cui il Regno Unito sta gestendo l'emergenza". "Tornare a casa - dice G. - è stato bello ma non ho potuto vedere né il mio ragazzo né i miei genitori. Ed è molto difficile emotivamente. Fino a quando finiremo la quarantena noi due staremo insieme nella stessa casa, così potremo farci forza  l'una con l'altra".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona gialla: le faq aggiornate e le regole per capire cosa si può fare

Attualità

Un uomo è rimasto incastrato col pene nel peso di un bilanciere

Coronavirus

Lombardia zona gialla: cosa potrebbe riaprire dal 26 aprile

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Porta Nuova

    In piazza Gae Aulenti è comparso un enorme caprone di legno

  • Cologno

    Le sette caprette salvate a Cologno (Milano)

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento