In via Novara a Milano apre il drive through più grande d'Italia

Inaugurato venerdì alla presenza del governatore lombardo Attilio Fontana, è dedicato agli operatori di polizia locale, protezione civile, agli studenti e al personale scolastico

Il 'Drive through' più grande d'Italia è stato inaugurato venerdì 13 novembre al Parco Trenno di via Novara, dove sarà possibile sottoporsi a tamponi rapidi e a un eventuale test molecolare.

All'apertura del centro erano presenti il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, il direttore generale dell'Ats di Milano, Walter Bergamaschi, il direttore generale dell'Asst Santi Paolo e Carlo, Matteo Stocco e il colonnello, Fabio Zullino.

Come funziona il nuovo 'Drive Through'

Fino a sabato - precisa una nota di Regione Lombardia - le postazioni nel drive through sono riservate agli operatori della polizia locale e della protezione civile, mentre da lunedì 16 si partirà con i test agli studenti e al personale scolastico.

Il centro sarà allestito con otto linee per i test rapidi Sars-Civ2 e una per i tamponi molecolari. Il tutto dislocato in uno spazio di 2mila metri quadri con cinque tende tensostruttura, sette tende pneumatiche gonfiabili e un container per lo stoccaggio dei rifiuti speciali.

Il 'Drive' è dedicato esclusivamente all'accertamento dei casi sintomatici del mondo della scuola, unico ambito per il quale è previsto l'accesso diretto. Potranno quindi eseguire i test senza prenotazioni solo gli studenti e il personale scolastico docente e non docente che abbiano già ricevuto un'indicazione dal proprio medico o pediatra o che provengano direttamente dalla scuola e non siano riuscito a mettersi in contatto con il proprio dottore.

“Ringrazio l’esercito e la protezione civile – ha detto il presidente Fontana – per l’importante contributo che hanno dato per la realizzazione di questo ‘Drive Through’: servirà tantissimo per ‘alleggerire’ gli ospedali milanesi che, nelle ultime settimane, hanno eseguito migliaia e migliaia di tamponi per gli studenti e il personale scolastico. In questo modo, dunque, velocizzeremo gli screening per queste tipologie e, allo stesso tempo, ne beneficeranno anche tutti gli altri cittadini che avranno più ‘slot’ a loro disposizione. È anche grazie ad iniziative come queste che riusciamo ad eseguire oltre 50mila test al giorno”.

Monitoraggio dell'epidemia

Il nuovo 'Drive Through' di via Novara - chiarisce il Pirellone - che lo ha allestito in collaborazione con Ats Città Metropolitana, comune di Milano, esercito Italiano, protezione civile e Asst Santi Paolo e Carlo  - permetterà di effettuare circa 800 tamponi rapidi dal lunedì al sabato dalle 8 alle 14. Una volta ricevuto l'esito (entro 20 minuti), se positivo, il cittadino dovrà effettuare anche il tampone molecolare.

"Le misure intraprese con l'ordinanza delle settimane scorse - ha spiegato il direttore generale dell'Ats Walter Bergamaschi - cominciano ad avere il loro effetto. L'indice Rt è sempre superiore a 1, quindi i nuovi casi continuano ad aumentare ogni giorno, ma si sta avvicinando al valore di 1, che significa il valore di picco, in cui sostanzialmente il numero di contagi rimane stabile".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, Lombardia diventa zona arancione: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • La Lombardia diventa zona arancione: adesso è ufficiale. Ecco da quando e cosa cambia

  • "Ve matamos a todos", poi calci e pugni: il folle assalto della 'gang', 5 poliziotti feriti in metro

  • Covid, Milano si sveglia in zona arancione: riaprono i negozi. Galli: "Scelta politica"

  • Lombardia verso la zona arancione: ma non c'è nulla da esultare. I numeri

  • Fontana: "Milano rimane zona rossa. Governo vuole mantenerla fino al 3 dicembre"

Torna su
MilanoToday è in caricamento