menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Milano

Milano

Coronavirus, tutti gli errori della Lombardia: la critica nuda e cruda di Roberta Villa (e Maran)

Isolamento, medici di famiglia, quarantena, solitudine: ecco i gravi problemi lombardi

Il lockdown sembra non portare i frutti sperati in Lombardia, soprattutto a Milano. Non è un segreto per nessuno che ci sono numerosi nodi da sciogliere, da superare, per arrivare ai tanto agognati risultati che permettano di passare alla 'fase due'. Dietro a questi piccoli e grandi fallimenti nella gestione dell'emergenza coronavirus e nella strategia contro il covid-19  non c'è una sola ragione. Roberta Villa, esperta  divulgatrice scientifica, con un lungo post prova ad analizzare la situazione. Le sue parole - evidentemente non campate in aria - sono state rilanciate dal virologo Roberto Burioni.

Tra i commenti al post di Villa, c'è anche quello dell'assessore all'Urbanistica, verde e agricoltura del comune di Milano, Pierfrancesco Maran. L'intervento di Maran è servito per sottolineare come l'hotel Michelangelo, aperto dal Comune di Milano per ospitare le persone in quarantena abbia appena 102 ospiti su una capienza di quasi 300. Questo perché le autorità sanitarie non mandano altri cittadini pur annunciando centinaia di nuovi contagi al giorno. "Suppongo - scrive - non venga chiesto se vogliono una struttura per l'isolamento". Il Comune ha individuato altri 15 hotel idonei e disponibili all'attivazione ma fino a quando non viene inserita come strategia regionale la quarantena in isolamento "è francamente inutile aumentare un'offerta quando oggi siamo a riempimento del 30% del potenziale", scrive.

Coronavirus, problemi e gli errori della Lombardia

Ma ecco quali sono gli errori della Lombardia secondo Villa. "È vero - scrive la dottoressa - ha avuto la sfiga di avere i primi casi, di averli trovati quando già dispersi in più di un focolaio, ma anche la fortuna di avere un'anestesista che ha sfidato i protocolli (non solo dell'istituto superiore di sanità, ma anche dell'Oms), facendo il tampone al paziente uno anche se non aveva avuto contatti con la Cina".

La densità

"Ok. Questo  - prosegue Villa - succedeva quasi due mesi fa. Nel frattempo, che cosa ha fatto la differenza rispetto alle altre regioni? La densità di popolazione, certamente, che ha portato subito alle stelle il numero dei casi, travolgendo gli ospedali e portando tutta l'attenzione sulle terapie intensive. Giusto".

Le protezioni per i medici di famiglia

"Ma il problema è che nel frattempo nessuno si è preoccupato di dare protezioni ai medici di famiglia (quante se ne potevano acquistare con i soldi dei tre posti in fiera?), di potenziare i call center, di dare linee guida sui trattamenti a domicilio. 'Prenda la Tachipirina e se fa fatica a respirare chiami il 112' è l'unica indicazione che si riceve", scrive.

La solitudine dei pazienti

"Nel frattempo - spiega Villa - i pazienti che vivono soli, tantissimi a Milano, debolissimi e magari con la febbre alta, restano completamente abbandonati a se stessi. Probabilmente non mangiano. Forse non bevono a sufficienza. Si disidratano. Si indeboliscono, e quando finalmente ricevono soccorso magari è troppo tardi. Chi ha la "fortuna" di vivere con qualcun altro, invece, ha chi gli dà da mangiare. Ma i familiari escono a fare la spesa, col rischio di portare fuori l'infezione, e inevitabilmente si ammalano anche loro".

Il mancato isolamento dei positivi

E ancora, accusa Villa: "A quasi ogni caso a domicilio segue il resto della famiglia, anche perché la maggior parte della gente, soprattutto a Milano, non ha una stanza solo per sé in cui rinchiudersi, né un secondo bagno da riservarsi. I più gravi arrivano in pronto soccorso. Se il tampone è negativo, anche se stanno male, sono rimandati a casa, ignorando che il 30% dei casi sono falsi negativi".

Due settimane di quarantena? Sbagliato

"Ma anche se sono positivi, se appena non sembrano in pericolo, possono essere rimandati a casa, con l'indicazione ai familiari di restare in quarantena per due settimane. A parte che il virus - specifica Villa - può durare più di due settimane, chi provvede alle necessità di queste famiglie isolate? Nei paesi forse si crea qualche rete, a Milano i più anziani rientrano negli elenchi del comune, qualche associazione si è mossa per qualcuno, ma gli altri, per mangiare, devono necessariamente uscire, e mettersi in coda ai supermercati, perché i servizi online non funzionano più. Trovare uno slot libero è meglio che vincere al lotto".

I consigli di Roberta Villa per uscire dall'emergenza

Ecco perché in Lombardia la situazione non migliora e non può migliorare fino a quando: 

  • Non si potenzieranno i servizi di spesa online o almeno di prenotazione della fascia oraria in cui andare.

  • Non si organizzeranno squadre di giovani volontari addestrati e protetti per eventuali necessità da portare la spesa o, in alcuni casi, far da mangiare a chi è solo in isolamento, fino a portargli fuori il cane.

  • Non si organizzeranno alberghi per ospitare in isolamento i positivi che stanno bene (no, due a Milano non bastano. Lo so che costano, ma costa di più la terapia intensiva). Quando si parla di Cina o Corea, la differenza non la fanno solo mascherine o test, ma soprattutto l'isolamento dei positivi.

  • Non si sottoporranno a tampone anche tutti i pazienti a domicilio, anche con sintomi lievi, anche su richiesta e a pagamento (come in Germania), eventualmente con drive-in o test "sulla porta di casa" (per poi isolarli e assisterli, però, il tampone da solo non cura).

  • Per potenziare la capacità di test non si accetterà l'offerta dei maggiori centri di ricerca, sicuramente in grado di svolgerli in maniera affidabile.

  • Non si potenzieranno (non solo di numero!) le pochissime unità di cura a domicilio.

  • Non si forniranno di protezioni adeguate i medici.

  • Non si stabilirà un protocollo di trattamento anche a domicilio che vada al di là del paracetamolo, senza lasciare che ciascuno si arrangi secondo la voce dell'ultimo messaggio ricevuto su WhatsApp.

"Finché non si faranno almeno queste cose, è inutile parlare di fase 2 a Milano, o pensare di risolvere la situazione pattugliando con i carri armati le strade. Inutile. Finiamola di perdere tempo in chiacchiere. Anche oggi, sirene su sirene nelle strade deserte. Bisogna fare qualcosa, non basta aspettare. Il lockdown  - conclude la divulgatrice - era indispensabile per prendere tempo e abbassare la curva, ma sappiamo benissimo che non può azzerare il problema. Se non ci si organizza su tutti i fronti, questo enorme sacrificio umano, sociale ed economico sarà completamente inutile".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona gialla: le faq aggiornate e le regole per capire cosa si può fare

Attualità

Un uomo è rimasto incastrato col pene nel peso di un bilanciere

Attualità

È stato creato un giardino zen in pieno centro a Milano

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Porta Nuova

    In piazza Gae Aulenti è comparso un enorme caprone di legno

  • Cologno

    Le sette caprette salvate a Cologno (Milano)

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento