menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pregliasco, virologo Unimi: "Non usate trucchetti per abbassarvi la febbre"

"E' una scelta di comodo, ma mostra poca attenzione alla comunità. Si possono contagiare altre persone", ha detto il professore

"No ai trucchi 'abbassa-febbre'. Invito tutti alla responsabilità". E' il monito lanciato all'Adnkronos Salute da Fabrizio Pregliasco, virologo dell'università degli Studi di Milano. Su internet più di un sito offre consigli su come farlo. Oltre ai classici farmaci (dalla tachipirina all'aspirina) e agli impacchi ghiacciati, ci sono pagine che suggeriscono doccia o bagno tiepido, tisane calde con piante medicinali che stimolino la sudorazione con l'effetto di ridurre la temperatura corporea, ma anche rimedi più fantasiosi che chiamano in causa ingredienti casalinghi dall'aceto alle patate, fino all'aglio. Ma in tempi di pandemia di Covid-19, nascondere la febbre "è un gioco rischioso".

E c'è chi lo avrebbe fatto: è stato segnalato il caso di una ragazza che, pur di salire sul traghetto, avrebbe scelto il mix tachipirina e bottiglia gelata sulla fronte, riuscendo a superare i controlli temperatura all'imbarco, pur avendo la febbre. "E' ovvio che tecnicamente funziona come 'fregatura' - sottolinea Pregliasco -. La tachipirina ha effetto antipiretico e il ghiaccio sulla fronte garantisce ulteriormente. Non ho avuto segnalazioni di episodi simili, ma diciamo che si possono immaginare questi tentativi". Magari ci sarà qualcuno che li ha adottati anche fra quelli che hanno raccontato sui social di aver avuto i primi sintomi appena fuori da aerei e traghetti. E non sono pochi.

"C'è un aspetto di non responsabilità in questo - evidenzia il virologo - perché si espone al rischio di contagio le persone che si hanno vicino durante il viaggio. E' una scelta di comodo, ma dimostra non attenzione alla comunità". Intercettare i 'furbetti del termometro' "è impossibile. Come si fa a distinguere una persona che non ha la febbre e una che l'abbassata?", ragiona Pregliasco. L'invito alla responsabilità è anche rivolto "ai genitori che si troveranno in difficoltà" con la riapertura delle scuole, il lavoro e la gestione ripetuta di misure come l'eventuale isolamento. "Non sappiamo cosa succederà il prossimo anno scolastico - prosegue Pregliasco - Dobbiamo lavorare con il criterio di massima precauzione. E' un diritto e un dovere. Le istituzioni devono garantire massima sicurezza per le famiglie, i ragazzi, il personale". Il ritorno fra i banchi "è sicuramente uno stress test. In alcune nazioni alcuni problemi ci sono stati. Vedremo come andrà". E proprio la misurazione della febbre a casa da parte dei genitori è stata al centro di diverse polemiche.

"Dà una responsabilità alle famiglie, ma rispetto all'alternativa - osserva il virologo - va valutato il costo-beneficio di mettere qualcuno a fare controlli col termometro all'ingresso dei ragazzi. Va valutato il rischio che si creino assembramenti, e la praticabilità. E poi bisogna trovare gli approcci migliori". Certamente la misurazione fai-da-te della febbre da parte del genitore a casa espone a "un rischio errori. Mi rendo conto delle difficoltà dei genitori, alle prese con lavoro e gestione famigliare, che si ritroveranno a terra" davanti al proprio figlio con poche linee di febbre. "Sono tempi difficili. Ci vuole uno sforzo di responsabilità comunitaria".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona rossa: le faq aggiornate a marzo 2021 per capire cosa si può fare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento