menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Assembramenti sui Navigli (foto Santo da Ros/Fb)

Assembramenti sui Navigli (foto Santo da Ros/Fb)

Folla sui Navigli, lo scienziato: "Se non passa la cultura della responsabilità passeremo dei guai"

Lo ha detto Massimo Galli, direttore di malattie infettive dell'ospedale Sacco di Milano

Folla sui Navigli, assembramenti in Darsena e nella Biblioteca degli alberi a Isola. Sono istantanee scattate a Milano a poche ore l'una dall'altra. Il minimo comune denominatore? Il mancato rispetto delle regole della Fase2. E le immagini dei Navigli, simili a quelle riprese durante il "folle weekend" dell'8 marzo, sono state commentate dal direttore di malattie infettive dell'ospedale Sacco di Milano in collegamento con Agorà su Rai3: "Se non passa la cultura della responsabilità passeremo dei guai".

"È la cronaca di un evento annunciato - ha continuato - dopo tutto questo periodo di compressione evidentemente si apre uno spiraglio e diventa una breccia speriamo che non cada la diga. Ma dico speriamo".

Galli ha poi ricordato che Milano e la Lombardia stanno facendo "una grande sperimentazione perché questa cosa di distanziamento e mascherine, scelta su cui non ci possono essere dubbi, però dal punta di vista scientifico è la prima volta nella storia che applichiamo questa cosa per vedere se riusciamo a contenere la coda di un'epidemia come questa".

Lo scienziato milanese ha poi affrontato il tema dell'andamento dell'infezione: "in questi giorni mi aspetto di vedere una crescita dei casi osservati, ad esempio a Milano, perché persone che non sono riuscite ad ottenere un tampone arrivano finalmente a diagnosi, rappresentando di fatto la coda della prima ondata dell'epidemia".

Sala "Immagini vergognose"

Sul caso degli assembramenti sui Navigli è intervenuto anche il primo cittadino, Beppe Sala, durante il suo consueto videomessaggio sui social: "Milano ha bisogno di tornare a lavorare. Non è un vezzo, non è una voglia. È una necessità. Starò dalla parte delle famiglie che fanno fatica ad arrivare alla fine del mese. Sono dalla parte di quelli che vanno a lavorare, non a divertirsi, per portare a casa quanto necessario per le loro famiglie. Non permetterò che quattro scalmanati, senza mascherina, uno vicino all'altro, mettano in discussione tutto ciò".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    L'imprenditore milanese che inventa il "buco" per bere dalla mascherina

  • Cultura

    I teatri che a Milano lottano e non vogliono morire

  • Coronavirus

    Come si curano oggi i tossicodipendenti a Milano

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento