menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La Lombardia vuole vaccinare anche i lavoratori ma il Governo vuole andare per età

Fontana: "Noi abbiamo avanzato la richiesta di una deroga a favore delle aziende"

"Dopo gli ultra 80enni voglio partire con quelli che lavorano", a parlare a inizio marzo era Guido Bertolaso, il consulente chiamato dal governatore della Lombardia Attilio Fontana per coordinare il piano di vaccinazioni anti covid. E l'obiettivo era quello di farlo dentro le aziende stesse, tant'è che pochi giorni dopo era stato annunciato l'accordo in pompa magna con Confindustria Lombardia e Confapi, firmato il 10 marzo. Per il momento non se ne fa nulla, anche perché giustamente il Governo sa benissimo che ci sono ancora molti anziani e altre categorie esposte da vaccinare, e il numero delle vaccinazioni giornaliere fa fatica a decollare, come invece vorrebbe l'Esecutivo.

A confermarlo, con evidente rammarico, è il governatore Attilio Fontana: "Per ora il Governo non ci ha ancora dato l'autorizzazione alle vaccinazioni in azienda. Se il numero dei vaccini aumenterà - ha detto - ci autorizzeranno a dare una parte delle dosi alle aziende. Se non dovessero essere così tante bisogna vedere cosa dirà, ma temo che non ce lo lasceranno fare". 

Fontana e la deroga per i vaccini alle aziende

"Noi sin dal primo momento siamo stati sensibili alla richiesta che ci è stata avanzata da Confindustria Lombardia per dare la possibilità alle aziende di ricevere direttamente da noi i vaccini e svolgere l’attività autonomamente. Il problema è che per ora il Governo non ci ha ancora dato l’autorizzazione", ha detto Fontana. Dall'esecutivo c'è stata una apertura di massima, ma per ora "il Governo ha detto che si deve vaccinare in base all’età. Noi abbiamo avanzato la richiesta di una deroga a favore delle aziende" e "stiamo aspettando il via libera dal Governo", ha chiosato Fontana.

Presentando l'accordo con Confindustria Lombardia e Confapi, l'assessore al Welfare Letizia Moratti aveva ribadito che l'obiettivo fosse arrivare a vaccinare "tutti i lombardi che ne hanno diritto" entro giugno 2021. Il protocollo era possibile perché, si diceva, da aprile, la Lombardia avrebbe avuto una maggiore capacità vaccinale sia con l'innalzamento dell'età per Astrazeneca sia per l'arrivo di Johnson & Johnson.

La stessa Moratti però aveva sottolineato che prima di tutto ci sarebbero state le esigenze del piano del Governo, perciò è evidente che ogni deroga andrebbe contro questo principio. "Con l'accordo, nel rispetto delle categorie individuate dal piano nazionale, sgraviamo ulteriormente il sistema sanitario perché le aziende avranno un loro personale medico. L'allargamento - aveva detto Moratti - ci consente una minor tensione sugli ospedali ed è molto importante nel momento in cui c'è una ripresa della patologia". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

La Lombardia torna in zona arancione, la decisione

Coronavirus

Che fine farà lo smart working a Milano dopo la pandemia

Ultime di Oggi
  • Coronavirus

    Da oggi la Lombardia è in zona arancione

  • Meteo

    Allerta meteo per piogge e vento forte a Milano

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cologno

    Le sette caprette salvate a Cologno (Milano)

  • Sport

    Il nuovo logo dell'Inter

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento