menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il presidente Fontana, 69 anni, ha prenotato il vaccino anti covid

L'annuncio dello stesso governatore su Facebook: "Appuntamento ai primi di maggio"

È arrivato anche il suo turno. Attilio Fontana, presidente di regione Lombardia, ha prenotato lunedì mattina il suo appuntamento per ricevere il vaccino contro il covid 19. Il governatore, nato il 28 marzo del 1952 a Varese, e quindi da qualche settimana 69enne, si è registrato sulla piattaforma di Poste Italiane poco dopo l'apertura delle liste per la fascia d'età 65-69 anni e nei prossimi giorni si vaccinerà a Milano. 

"Aperte le adesioni alla vaccinazione per la fascia 65-69. Rientrando anche io in questa categoria di 'giovani' lombardi, mi sono appena registrato - ha annunciato, con un po' di ironia, lo stesso Fontana su Facebook -. Semplice e veloce, appuntamento ai primi di maggio", ha concluso, aggiungendo poi l'immancabile hashtag "#piùsiamoprimavinciamo".

A che punto è la campagna vaccinale in Lombardia

Come già accaduto per le altre fasce d'età, dopo l'addio al sito di Aria, i lombardi dovranno prenotare attraverso la piattaforma di Poste. Basterà avere la tessera sanitaria e scegliere poi un giorno e un orario per l'appuntamento in un centro vaccinale tra quelli proposti. 

Nelle scorse ore sul tema vaccini si è espressa Letizia Moratti, assessore al welfare del Pirellone, che ha riconosciuto una "partenza lenta", poi in parte cancellata da "una fortissima accelerazione". "Ad oggi abbiamo somministrato più di due milioni e trecentomila vaccini, siamo tra le regioni che hanno vaccinato di più le fasce più deboli, il personale sanitario, gli ospiti e il personale delle Rsa, gli over 90enni e over 80enni", ha rivendicato la vicepresidente.

Anche i minorenni saranno vaccinati

"Abbiamo una programmazione concordata col generale Figliuolo che arriva fino al 7-8 maggio, questa settimana abbiamo ottenuto una media di 50mila vaccini al giorno, dalla prossima saliremo a 65-68mila al giorno per arrivare dalla settimana successiva fino a 100mila vaccini al giorno", ha sottolineato la Moratti. E ancora: "Noi abbiamo presentato un piano vaccinale che ci consente, con tutte le linee vaccinali e gli hub, di arrivare a 144mila vaccini al giorno, oltre a quelli che possiamo fare in farmacia e poi in azienda, quando sarà possibile".

Quanto alle prenotazioni del vaccino, dopo le problematiche sperimentate nei mesi scorsi in regione, "ora col cambiamento della piattaforma informatica le prenotazioni sono molto più facili - ha rimarcato l'assessore al welfare -. Ci si può prenotare tramite il portale delle Poste ed è un sistema più semplice e facile. Dopo le criticità iniziali sono contenta di averlo cambiato. All'inizio mi era sembrato giusto dare fiducia alla piattaforma regionale poi abbiamo inserito delle clausole per rescindere il contratto e abbiamo cambiato".
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Fedez ha asfaltato i consiglieri leghisti Lepore e Bastoni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento