Coronavirus, Gallera non molla: "Siamo un modello. Commissariamento non è previsto"

L'assessore parla nel giorno della protesta social "fiocchi neri per la sanità lombarda"

Un po' di difesa e un po' di contrattacco. Giulio Gallera, assessore al Welfare del Pirellone, sabato pomeriggio ha respinto l'ipotesi di commissariamento della regione Lombardia, proprio nel giorno in cui è andato in scena il flash mob social "fiocchi neri per la sanità lombarda", con Facebook e Instagram che si sono riempiti di immagini di mascherine listate a lutto come simbolo di protesta contro l'operato della giunta durante l'emergenza Coronavirus

"Il nostro sistema sanitario è da sempre il più apprezzato a livello nazionale e giudicato come modello anche su scala internazionale, come testimoniano le migliaia di persone che ogni anni chiedono e ottengono di venirsi a curare in Lombardia", ha detto Gallera, che era in visita a Mantova.

"Il sistema lombardo - ha ribadito l'assessore - è quello che, ancor oggi, in questa emergenza mette per esempio a disposizione di chi ha bisogno sacche di sangue in diverse zone d'Italia. Questo è stato e continuerà a essere il nostro modo di fare. E non saranno certo manifestazioni di piazza a far mutare il nostro comportamento verso chi ha bisogno". Quindi, ecco la stoccata: "Il commissariamento? Al di là che non è previsto dalla legge per le motivazioni che qualcuno richiede - le parole di Gallera -, sono certo che la stragrande maggioranza dei lombardi non lo vorrebbero e che certi modi di fare politica fanno solo male alla collettività".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Tutto questo al netto delle minacce e delle scritte vergognose apparse sui muri negli ultimi giorni", ha concluso l'assessore con un chiaro riferimento alla scritta "Fontana assassino" apparsa su un muro di Milano. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, folle abbandona la mamma sull'A7, poi picchia un tranviere e si mette a guidare il tram

  • Follia alla Darsena: due ragazzi gettano in acqua un venditore di rose e poi scappano

  • Accoltellato sull'autobus a Milano, 23enne gravissimo in ospedale

  • Lo spettacolo della cometa Neowise, visibile a occhio nudo sopra Milano

  • Bollettino coronavirus Milano e Lombardia: 192 guariti, 15 nuovi positivi a Milano città

  • H&M chiude a Milano, lavoratori trasferiti ad Ancona (e non solo): "Non ci fanno rientrare"

Torna su
MilanoToday è in caricamento