Martedì, 21 Settembre 2021
Coronavirus

Galli: "Ho già stampato il mio green pass. Varianti più contagiose? Il rischio c'è"

Il direttore delle malattie infettive del Sacco ha detto che il pass è una "limitazione utile"

"Ho già il Green pass stampato ma non l'ho ancora scaricato sul telefonino. È una cosa che dovrò fare per non avere un ennesimo pezzo di carta con me. Non possiamo negare che ci sia una limitazione in tutto questo ma è una limitazione che abbiamo dichiarato di dovere e voler accettare per un obiettivo sanitario". Lo ha detto Massimo Galli, docente di Malattie infettive all'Università Statale e primario al Sacco di Milano, interpellato dall'Adnkronos alla vigilia dell'entrata in vigore del green pass per poter svolgere alcune attività sociali.

Lo scienziato ha ribadito che è sempre stato favorevole a questa certificazione. "Sono sempre stato favorevole a questa certificazione e la utilizzerò come tutti, rispettando le regole. Considero positivo il Green pass - ha continuato Galli - come metodo per incentivare alla vaccinazione. Non si impone l'obbligo ma si introducono modalità per stabilire l'idoneità a determinati eventi o attività. Perché l'unica arma che abbiamo oggi è il vaccino. Più gente si vaccina meno circolerà il virus".

Il direttore di malattia infettive dell'ospedale Sacco di Milano ha poi commentato l'allarme dell'immunologo Anthony Fauci sul rischio "reale di una nuova variante del virus Sars -Cov 2" peggiore della Delta. "In linea teorica c'è sempre la possibilità che emerga un'altra variante con una capacità di diffusione ancora maggiore della Delta - ha precisato -. Dobbiamo tenere sempre presente che questo virus muta e continua a circolare. Su questo non dobbiamo accettare cadute di attenzione. La soluzione è vaccinare".

"Il discorso non fa una grinza. Conosco Fauci - ha aggiunto - e non è certo una persona che fa sparate. E' un professionista di estrema competenza ed equilibrio. Non sta raccontando bubbole: sta dicendo che questo virus ha dato più volte segno della sua capacità di mutazione. E ha prodotto nel tempo varianti tali da destare preoccupazioni, per la capacità diffusiva. E' un elemento di conoscenza che abbiamo e che dobbiamo tenere sempre a mente".

"Conosco Fauci - ha aggiunto - e non è certo una persona che fa sparate. È un professionista di estrema competenza ed equilibrio. Non sta raccontando bubbole: sta dicendo che questo virus ha dato più volte segno della sua capacità di mutazione. E ha prodotto nel tempo varianti tali da destare preoccupazioni, per la capacità diffusiva. È un elemento di conoscenza che abbiamo e che dobbiamo tenere sempre a mente".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Galli: "Ho già stampato il mio green pass. Varianti più contagiose? Il rischio c'è"

MilanoToday è in caricamento