Milano, il ministro Guerini visita il drive through più grande d'Italia. «E a Natale niente regole, gli italiani sanno cosa fare»

La visita del ministro a Milano

Il ministro Guerini in via Novara

Il ministro della Difesa Lorenzo Guerini ha visitato, sabato mattina, il "drive through" più grande d'Italia, installato nel parcheggio di via Novara a Milano. Una struttura realizzata in pochi giorni dall'esercito e dove, da venerdì 13, si effettuano i tamponi rapidi per diagnosticare il Covid, inizialmente al personale pubblico e, da lunedì 16, ad alunni e operatori della scuola.

«In questo drive thorugh di Milano, che ho voluto visitare, si potranno effettuare fino a 800 tamponi al giorno. Una struttura inserita nella rete del territorio lombardo, duramente colpito nella prima fase dell'emergenza Coronavirus. Questo rappresenta un aiuto concreto alla cittadinanza e agli studenti e per questo ho voluto ringraziare personalmente i militari: gli italiani sono grati per quello che state facendo», ha dichiarato il ministro al termine della visita, effettuata insieme al prefetto di Milano Renato Saccone.

Guerini si è recato anche all'ospedale militare di Baggio, che mette a disposizione cinquanta posti letto per pazienti Covid e dove, dall'inizio della settimana, è partita la campagna vaccinale anti-influenzale: ne vengono somministrati 600 al giorno.

Natale? «Le persone saranno responsabili»

«Il Paese - ha affermato poi Guerini a margine della visita - sta vivendo con grande responsabilità e dignità l'emergenza. Saranno presenti in tutte le fasi che attraverseremo, anche nella fase natalizia». Ha aggiunto che «per vivere il Natale non c'è bisogno di regole da dare alle persone, lo fanno da sole, perché tutti siamo seri, responsabili e consapevoli che il nemico si affronta anche attraverso comportamenti individuali quotidiani».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, file e corse per le scarpe della Lidl (comprate a 12.99 e già in vendita a 200 euro)

  • Covid, Lombardia verso entrata in 'zona arancione' da venerdì: cosa cambia

  • Milano, spacca vetrata all'Esselunga e cerca di rubare i soldi dalle casse: preso

  • Incendio a Cologno, fiamme ed esplosioni nel condominio: casa distrutta, palazzo evacuato

  • Bresso (Milano), due agenti della polizia locale accoltellati: uno è grave

  • Coronavirus, dal 27 novembre la Lombardia vuole diventare zona arancione. Cosa cambia

Torna su
MilanoToday è in caricamento