Coronavirus Piazzale Angelo Moratti

Green pass, mascherine e posti a scacchiera: come si torna allo stadio

Domani Inter-Genoa a San Siro, prima gara col pubblico dopo un anno e mezzo

Certificato verde all'ingresso, sediolini liberi tra uno spettatore e l'altro e bocca e naso sempre coperti. Domani, sabato 21 agosto, lo stadio di San Siro torna ad accogliere i tifosi dopo un anno e mezzo in cui la Scala del calcio è rimasta desolatamente vuota a causa dell'emergenza covid. Alle 18.30 è in programma l'esordio dei campioni d'Italia dell'Inter, che ospitano il Genova, e per la prima volta dal febbraio scorso il Meazza sarà aperto al pubblico. La capienza è del 50%, per permettere il distanziamento, e le linee guida da rispettare sono rigide. 

Giovedì mattina in Questura è andata in scena una riunione per definire al meglio tutti i dettagli. Da via Fatebenefratelli hanno invitato "i tifosi delle due compagini ad anticipare l'arrivo allo stadio, aperto al pubblico sin dalle ore 15.30, per consentire l'effettuazione dei controlli di sicurezza e sanitari necessari al tranquillo svolgimento della partita e a evitare assembramenti nella fase di accesso all'interno dello stadio". 

All'ingresso, infatti, saranno controllati il biglietto, il green pass - che attesti la vaccinazione o la negatività al covid - e un documento d'identità. In più, hanno sottolineato dalla Questura, all'interno di San Siro "dove dovrà essere tassativamente utilizzata la mascherina" e vanno rispettati i posti assegnati, con dei sediolini lasciati liberi. I bar all'interno dello stadio e il San Siro Store saranno regolarmente aperti al pubblico mentre, durante la partita, non verrà effettuato il servizio di vendita di cibo e bevande sugli spalti. 

L'Inter, sul proprio sito ufficiale, ha esultato per il ritorno dei tifosi al Meazza. "L'ultima volta un Inter-Napoli di Coppa Italia. Il 12 febbraio 2020. Resta quella l'ultima partita senza limitazioni a causa della pandemia a San Siro. Un impianto che in qualche rara occasione ha ospitato al massimo un migliaio di spettatori e che ha fatto da cornice alla cavalcata Scudetto della passata stagione. Ora inizia un nuovo campionato e il ritorno in campo coincide con il ritorno degli spettatori allo stadio. Sarà bello riabbracciare il popolo nerazzurro, pronto a sostenere l'Inter", hanno rimarcato dalla società di viale della Liberazione. 

E sabato anche gli ultras ritorneranno "in campo". La Nord, dalla propria fanzine social, ha fatto sapere che ci sarà, anche se bisognerà vedere in che modo, proprio nel rispetto delle norme anti covid. "La nuova stagione è ai nastri di partenza. Quello che dovevamo fare è stato fatto. Quello che dovevamo dire è stato detto. Torniamo a riempire la Curva Nord - l'appello dei tifosi più caldi -. Tutti i posti del secondo verde disponibili sono e saranno nostri. Oltre ogni ostacolo e limitazione. La Curva è casa nostra. Serriamo le file ed inquadriamoci volgendo lo sguardo verso la stessa direzione. L'Inter è campione d'Italia in carica e dovremo difendere con le unghie e con i denti il titolo. Popolo neroazzurro, è nuovamente tempo di battaglia. Torniamo ad essere protagonisti. Con la voce e con il cuore".
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Green pass, mascherine e posti a scacchiera: come si torna allo stadio

MilanoToday è in caricamento