Termoscanner allarmato, banchi singoli e macchina anti infezioni: la scuola a prova di covid

All'istituto Zaccagnini si torna in aula. Ecco gli interventi anti coronavirus nell'edificio

Il termoscanner

Aule riaperte. Banchi di nuovo occupati. È pronto finalmente a riempirsi, dopo la serrata causa coronavirus, l'istituto Zaccagnini di Milano, il centro di formazione per ottici di via Crespi che ha portato avanti una serie di interventi strutturali per trasformare l'edificio in una scuola a prova di covid e che è stato tra i primi a ricominciare con le lezioni in presenza. 

"Dopo aver ripreso i laboratori in presenza durante l’estate, così era permesso dalla normativa, è pronto a riprendere anche le lezioni teoriche in aula per l’anno scolastico 2020-2021. Diversi sono stati gli interventi strutturali anti contagio già attivati dai mesi estivi.  I più importanti: termoscanner industriali che dialogano con il sistema d’allarme, tecnologie all’avanguardia che sanificano l’aria, rigidi protocolli per studenti e insegnanti, didattica mista che ha permesso agli studenti di seguire lezioni individuali complementari e corsi di recupero on line", raccontano dalla scuola.

scuola banchi singoli coronavirus covid 1-2

Nella struttura, infatti, "sono stati installati termoscanner industriali integrati con una camera termografica che permette di misurare la febbre a 30 persone insieme, 60 al minuto. Qualora venisse rilevata la febbre, regolata a 37.2 per una maggiore sicurezza, le telecamere del sistema segnalano il problema e l’allarme suona. Il termoscanner è stato installato a pochi metri dal portone di ingresso per evitare che la temperatura possa essere falsata dalle condizioni atmosferiche esterne. Qui posizionato permette di misurare la febbre anche a chi passa davanti così da rilevare se studenti, docenti o altro personale mostra sintomi durante la giornata", spiegano dall'istituto, in cui le mascherine sono obbligatorie, gli accessi sono contingentati e i percorsi nei corridoi sono divisi.  

Sono poi stati modificati gli infissi "per permettere un ricambio naturale dell’aria in tutta la struttura" e "sono state aperte finestre un tempo sigillate". Inoltre gli studenti avranno banchi singoli - sui banchi doppi è stato affisso il divieto di sedersi - e avranno a disposizione una bottiglia d'acqua per evitare assembramenti ai distributori. 

Nella scuola di Milano sono state installate "7 macchine tecniche, una in ogni ambiente, per permettere un trattamento biologico dell’aria e sanificare complessivamente 2.940 metri cubi ogni ora, consentendo di prevenire eventuali infezioni. A disposizione - concludono dall'istituto - anche una macchina germicida per sanificare tutte le strumentazioni". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

scuola banchi singoli coronavirus covid-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La provocazione di Cracco in Galleria (Milano): ai suoi clienti solo mezza pizza

  • L'anziana che ha "truffato" i truffatori: così una 87enne ha fatto arrestare la "nipote" a Milano

  • Trovato morto a 47 anni Alessandro Catone, il "Porco schifo" di YouTube

  • Il maltempo fa paura: "Forti temporali in arrivo, fino a 150mm di acqua in 6 ore" (Poi la grandine)

  • Milano, ecco lo store di Off-White in pieno centro: è il brand per cui tutti si mettono in fila

  • 'Milanese' bloccato in Argentina per il coronavirus muore assassinato: addio a Lucas

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento