menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

J-Ax ha avuto il covid e ha detto che è stato il momento più brutto della sua vita

L'ex Articolo31 si è scagliato contro la classe dirigente italiana ed europea: "Non c'è più tempo per sbagliare. Solo agire"

"I morti della prima ondata li ha fatti il Covid, questi la vostra coscienza. Non c'è più tempo per sbagliare. Solo agire". È il duro attacco del rapper milanese J-Ax (Alessandro Aleotti) che, attraverso un video pubblicato su Instagram nella mattinata di venerdì 9 aprile, ha raccontato di aver avuto il covid.

"È stato uno dei periodi più brutti, il più brutto della mia vita - prosegue il rapper -. Ho avuto momenti in cui sono stato male. Ma mai, mai come il Covid. E' il peggior mal di testa della tua vita. Io ho dovuto prendere 4 diversi farmaci per cercare di calrmarlo e non finzionavano. Ed ero comunque steso a letto, impossibilitato a muovermi. E lo stomaco ti si piega in due, sono tutte le ossa che non finiscono di farti male".

Il peggio per il rapper, ex Articolo31, è alle spalle ma l'artista ha ben presente la sensazione di ansia "di non sapere cosa accadrà e la paura, come è successo a me e a mia moglie di poter lasciare nostro figlio orfano". Aleotti ha poi parlato del dolore che ha provato quando non trovava parole per rispondere al figlio (quattro anni, ndr) che gli chiedeva perché non potessero uscire di casa o non potessero andare a trovare la nonna o i suoi amichetti. "Ho visto la sua salute mentale deteriorarsi velocemente - commenta il rapper - e io ho dovuto trattenermi dal piangere perché non volevo che vedesse che per la prima volta il papà non poteva aiutarlo".

E poi lo sfogo, durissimo, contro la classe dirigente: "È un totale fallimento politico il fatto che gli italiani non siano stati ancora vaccinati in massa e che non sappiamo nemmeno quando questo avverrà con chiarezza o certezza. A oggi 3 milioni e mezzo di italiani hanno ricevuto le due dosi di vaccino. Negli Stati Uniti vaccinano tre milioni di persone ogni giorno. Quindi i vaccini esistono. Semplicemente c'è stato un catastrofico fallimento di chi ci amministra in Italia e in Europa nel farceli avere. E questi fallimenti gli italiani li pagano con la morte".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Coronavirus

    Al Policlinico si iniziano a chiudere i posti letto covid

  • Coronavirus

    Il Tar boccia quarantena lunga per giovane pallavolista

  • Attualità

    Milano con le città C40 per una ripresa verde e giusta

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Cannabis (light) gratis con Isee fino a 40.000 euro

  • Sport

    Tanto col calcio vale tutto

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento