rotate-mobile
Domenica, 3 Luglio 2022
Coronavirus

"Andiamo a Milano per lavorare a Skai": in 4 scoperti per l'errore di spelling e denunciati

In procinto di partire per il capoluogo lombardo, hanno giustificato il proprio spostamento così, ma l'errore in inglese gli è costato una denuncia

"A Milano per lavorare a 'Skai'". Così recitava l'autocertificazione di quattro persone in procinto di partitre dall'aeroporto di Reggio Calabria per raggiungere il capoluogo lombardo. Ma il grossolano errore di spelling ha insospettito gli agenti che hanno velocemente smascherato i viaggiatori, denunciandoli per falsità ideologica.

L'autocertificazione era stato consegnata al personale dell'aeroporto di Reggio Calabria dai passeggeri, che sostenevano di essere dipendenti del gruppo televisivo - pur ignorando come si scrive correttamente il suo nome. 

Leggendo l'autocertificazione con l'errore di spelling, il personale dell'ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico della questura ha subito pensato che la motivazione dello spostamento fosse falsa, circostanza che è stata poi confermata dagli opportuni accertamenti.

Dopo aver appurato che le quattro persone stavano mentendo, perché non avevano alcun rapporto lavorativo con Sky, gli agenti le hanno denunciate per falsità ideologica commessa da privato in atto pubblico.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Andiamo a Milano per lavorare a Skai": in 4 scoperti per l'errore di spelling e denunciati

MilanoToday è in caricamento