menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, paziente scrive ai suoi eroi in corsia: ecco la commovente lettera di Elena

La lettera di una paziente dimessa dedicata al personale del policlinico San Donato

"Anche con la mascherina io riuscivo a vederli i vostri sorrisi". I sorrisi sono quelli di medici, infermieri, operatori sanitari che da settimane ormai, senza sosta, lottano contro il Coronavirus. Gli occhi, invece, sono quelli di Elena, una delle donne che quel mostro invisibile è riuscita a sconfiggerlo e che è tornata a casa. 

Prima di andare via dall'ospedale - il Policlinico di San Donato -, Elena il 16 marzo ha voluto lasciare ai suoi angeli custodi una lettera per dire loro semplicemente grazie, per dire loro che non dimenticherà mai tutto quello che hanno fatto per lei.  

"È arrivato finalmente il momento di tornare a casa e la sola cosa che vorrei fare in questo momento è abbracciare tutti voi che vi siete presi cura di me - si legge -. Porterò per sempre nel cuore il vostro grande sacrificio, la luce negli occhi quanto portavate buone notizie e perfino le vostre incursioni notturne all’Arancia Meccanica per misurare febbre, saturazione, le flebo sempre inserite con delicatezza e i vostri sorrisi… perché anche con la mascherina io riuscivo a vederli". 

"Non so i nomi di tutti voi - conclude Elena -, ma i vostri occhi li riconoscerei tra mille sguardi". Sono "parole che scaldano il cuore - dicono dall'ospedale milanese - e donano la forza per andare avanti". 

Foto - La lettera di Elena al personale sanitario

coronavirus lettera paziente medici-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona arancione: le faq aggiornate al 20 gennaio per capire cosa si può fare

Coronavirus

Milano, la Lombardia è zona rossa fino al 31 gennaio: "Non è punizione". Le regole

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento