Coronavirus, specialisti certificano che gli aeroporti di Linate e Malpensa sono sicuri

I protocolli adottati sono all’avanguardia nelle procedure di contenimento alla diffusione dei virus

Repertorio

Gli aeroporti di Milano hanno ottenuto la certificazione Airport Health Accreditation che attesta come entrambi gli scali milanesi offrano ai passeggeri un’esperienza di viaggio sicura, rilasciata da Airports Council International, l’associazione che rappresenta gli aeroporti nel mondo.

Questa certificazione, che si aggiunge a quella già ottenuta a inizio agosto Hygiene Synopsis rilasciata da TUV SUD, riconosce l’impegno per la salute e le efficaci misure di sicurezza introdotte dagli aeroporti di Milano realizzate in accordo con le principali raccomandazioni internazionali dell’aviazione, tra cui quelle della Task Force Council Aviation Restart di ICAO, l’organizzazione internazionale dell’aviazione civile, e seguendo le linee guida per un’esperienza sicura dei passeggeri negli aeroporti, promulgate da EASA, l’agenzia europea per la sicurezza area, in linea con l’ “Aviation Health Safety Protocol” di ECDC, il centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, e ACI EUROPE, l’associazione degli aeroporti europei.

I protocolli e le misure adottate a Linate e a Malpensa, elaborati in collaborazione con EY-Advisory e con il Gruppo San Donato, in conformità con le migliori case histories internazionali e alle linee guida redatte dal Comitato Scientifico GSD e Università Vita-Salute San Raffaele, sono all’avanguardia nelle procedure di contenimento alla diffusione dei virus. Con il conseguimento di questa importante certificazione gli aeroporti di Milano entrano a far parte delle best practices da seguire nel settore del trasporto aereo. Sin dall’inizio della pandemia Sea, la società di gestione degli aeroporti di Milano, ha avuto come priorità la sicurezza della salute dei passeggeri e degli operatori, introducendo sin da subito importanti misure di prevenzione e contenimento. In quest’ottica sono stati installati i termoscanner per la rilevazione della temperatura di tutti coloro che entrano nel terminal e dei passeggeri in arrivo. A disposizione dei passeggeri negli scali di Milano sono stati installati capillarmente circa 500 dispenser che forniscono gratuitamente gel disinfettanti per le mani.

Nel rispetto della distanza fisica di almeno un metro da mantenere tra le persone è stata ideata una segnaletica chiara che accompagna i passeggeri dall’entrata nel terminal fino all’imbarco, ascensori compresi, grazie a poster e bolloni adesivi che hanno lo scopo di facilitare la migliore e più sicura distribuzione delle persone. Anche sulle sedute si è applicato il criterio del distanziamento con l’utilizzo di cinghie elastiche.

Importante sottolineare infine che il ricambio totale d’aria è garantito ogni 10 minuti, così come sono state intensificate le pulizie in tutti gli scali a cui si è affiancata un’importante disinfestazione continua su tutto il sedime aeroportuale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, la Lombardia è zona arancione: le faq aggiornate per capire cosa si può fare

  • Coronavirus, fa paura la variante brasiliana del covid, Galli: "È una cosa pesante purtroppo"

  • Zona rossa, zona arancione e zona gialla: quando serve l'autocertificazione

  • Milano, la Lombardia è zona rossa: le faq aggiornate per capire cosa si può fare

  • Lombardia verso la zona rossa da lunedì 18 gennaio

  • Milano, la Lombardia è zona rossa fino al 31 gennaio: "Non è punizione". Le regole

Torna su
MilanoToday è in caricamento