Coronavirus, quando finisce quarantena? "Le misure saranno allungate oltre 3 aprile"

Le dichiarazioni degli esponenti di Governo

Non solo la Lombardia, fulcro della tragedia portata dal Covid-19. Ma tutto lo Stivale. Ancora chiusi. Un'ipotesi è quella di un'estensione della quarantena di almeno 15 giorni: fino al 17 aprile 2020.

Le parole sono di pochi minuti fa di esponenti del Governo. "Siamo ancora nel pieno dell'epidemia. Sarebbe un grave errore abbassare la guardia proprio ora". Lo dichiara il ministro della Salute, Roberto Speranza. "Si finirebbe - afferma il ministro - per vanificare quanto fatto fino ad oggi. I sacrifici di queste settimane sono seri". "Gli epidemiologici affermano che si vedono i primi effetti del contenimento. Non siamo però ancora al cambio di fase. Servirà - avverte - tempo e gradualità".

Nel corso di una conferenza stampa, inoltre, il premier Guseppe Conte aveva ribadito che "università e scuole non avrebbero riaperto il 3 aprile", mentre per le aziende "si stava valutando".

"Misure allungate oltre il 3 aprile"

Il ministro per gli Affari Regionali Francesco Boccia, a Sky TG24, ha ribadito: "Le misure in scadenza il 3 aprile inevitabilmente saranno allungate. I tempi li deciderà, come è sempre accaduto, il Consiglio dei Ministri sulla base di un'istruttoria che fa la comunità scientifica. Penso che in questo momento parlare di riapertura sia inopportuno e irresponsabile. Tutti noi vogliamo tornare alla normalità, ma prima dobbiamo riaccendere un interruttore per volta".

"Se l'autonomia è sussidiarietà è un conto, se l'autonomia è fare da soli perché si pensa di fare meglio la risposta è 'no perché crolli'. Nessuna Regione ce l'avrebbe fatta da sola, sarebbero crollate tutte", ha detto Boccia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Quanto alle polemiche su mascherine e ventilatori, Boccia ha sottolineato che l'organizzazione della Sanità è regionale, "ma se non ci fosse lo Stato non ci sarebbe quasi nulla se non le cose che erano nei depositi, anche abbastanza modesti e piccoli sui territori".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È morto John Peter Sloan, l'insegnante d'inglese più simpatico e famoso d'Italia

  • Coronavirus, il bollettino: 441 nuovi casi in Lombardia, ma terapie intensive sotto i 200

  • Spostamenti fuori regione dal 3 giugno: la Lombardia rischia di rimanere chiusa altre 2 settimane

  • Coronavirus, bollettino: altri 285 casi. "Nessun decesso segnalato" in Lombardia in un giorno

  • Coronavirus, distanziamento al ristorante: in Lombardia regole diverse ed è polemica

  • Bollettino coronavirus Lombardia e Milano: solo 8 contagi a Milano, 620 positivi in meno in Lombardia

Torna su
MilanoToday è in caricamento