Coronavirus, dal 27 novembre la Lombardia vuole diventare zona arancione. Cosa cambia

Lo ha ribadito più volte il presidente di Regione Lombardia Attilio Fontana in televisione

Ibra sul Pirellone

"Tecnicamente da venerdì i parametri della Regione Lombardia ci dicono che siamo già entrati in zona arancione. Il Dpcm però ci impone che questi parametri vengano mantenuti o addirittura migliorati per due settimane. Quindi il 27 novembre scadono queste due settimane e, se le cose andranno nel verso giusto, potremo chiedere di essere trasferiti in zona arancione". È un Attilio Fontana ottimista quello che parla ai microfoni di Sky TG24. Per il presidente della Regione Lombardia, l'emergenza sembra incanalata in quella direzione come ha avuto modo di ribadire in più di un'occasione.

"Se le condizioni saranno positive - ha spiegato - dopo aver fatto un’attenta analisi con i nostri tecnici e con quelli del ministero, nell’ambito di un’assoluta sicurezza chiederemo di essere ammessi alla zona arancione. Se la situazione dovesse mantenersi come quella odierna, se da parte dei cittadini ci fosse un rispetto delle regole date, tenendo conto che ad oggi questo miglioramento è dato solo dall’ordinanza del 22 ottobre scorso - "il coprifuoco" - emessa dalla Regione Lombardia, credo che il passaggio in zona arancione potrebbe essere tranquillizzante".

Fontana: si sta riducendo anche il numero di chiamate al 118

"Di dati rassicuranti - ha aggiunto - ce ne sono più di uno, credo che i due dati più importanti siano quello dell’Rt, che si sta gradualmente abbassando, e l’indice della pressione sui pronto soccorso che si sta riducendo. Anche il numero delle chiamate al 118 per questioni respiratorie si sta riducendo. Credo che il plateau sia stato raggiunto, adesso aspettiamo che inizi la discesa".

In mattinata, Fontana aveva espresso più o meno lo stesso concetto sempre in tv, a 'Mattino 5': "Abbiamo avuto una salita costante e anche molto violenta dei ricoveri in ospedale e nelle terapia intensive, adesso siamo in una fase in cui c'è un aumento, ma molto più ridotto, che si sta avvicinando alla riduzione. Fra qualche giorno inizieremo a vedere anche i dati del lockdown nazionale".

Il Natale? Fontana spera di viverlo con una certa libertà

"Noi - aveva spiegato il governatore -abbiamo già iniziato una fase di leggero, ma significativo, miglioramento della situazione. Il nostro Rt è sceso in maniera sostanziale, in base ai numeri noi rientreremmo oggi in una zona arancione. In base al Dpcm, anche per cautela, fino al 27 novembre resteremo zona rossa però sapendo che i sacrifici dei cittadini sono serviti. All’inizio è meglio un po’ di cautela per non dover poi vedere una ripartenza del virus. Meglio insomma una cautela iniziale e mettersi in sicurezza".

"Più le misure sono rigorose e più si raggiungono risultati. Anche perché - la speranza di Fontana - dobbiamo fare il Natale con una certa libertà". 

Cosa cambia con il passaggio da zona rossa a zona arancione?

La principale differenza tra zona rossa e arancione è che in quest'ultima ci si può spostare dalle 5 alle 22 nel proprio comune, senza necessità di autocertificare lo spostamento. Nelle regioni arancioni è vietato, così come nelle zone rosse, il servizio all’interno di bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie, ad esclusione delle mense e del catering. Resta però consentito il servizio di consegna a domicilio fino alle ore 22 la ristorazione con asporto, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze. Nelle zone arancioni è consentito, analogamente a quanto accade nelle rosse, andare ad assistere un parente o un amico non autosufficienti senza limiti di orario. Così come è consentito uscire per "raggiungere i figli minorenni presso l’altro genitore o comunque presso l’affidatario, oppure per condurli presso di sé, sono consentiti anche tra Comuni di aree differenti. Tali spostamenti - si legge nelle Faq - dovranno in ogni caso avvenire scegliendo il tragitto più breve e nel rispetto di tutte le prescrizioni di tipo sanitario". È consentito anche se "fortemente sconsigliato" anche spostarsi per accompagnare i propri figli dai nonni. 

Cosa si può e cosa non si può fare nelle zone rosse

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia verso entrata in 'zona arancione' da venerdì: cosa cambia

  • Milano, spacca vetrata all'Esselunga e cerca di rubare i soldi dalle casse: preso

  • Incendio a Cologno, fiamme ed esplosioni nel condominio: casa distrutta, palazzo evacuato

  • Bresso (Milano), due agenti della polizia locale accoltellati: uno è grave

  • Coronavirus, dal 27 novembre la Lombardia vuole diventare zona arancione. Cosa cambia

  • Lombardia verso la zona arancione: ma non c'è nulla da esultare. I numeri

Torna su
MilanoToday è in caricamento