Coronavirus

"Da lunedì 14 giugno la Lombardia sarà in zona bianca"

Ad anticipare la notizia, non una sorpresa per la verità, è stato il presidente di Regione Lombardia, Attilio Fontana

La Lombardia lunedì 14 giugno sarà zona bianca. Ad anticipare la notizia, non una sorpresa per la verità, è stato il presidente di Regione Lombardia, Attilio Fontana, a margine della presentazione del bando 'La Lombardia è dei Giovani 20/21'. "Anche questa settimana i dati in Regione Lombardia sono da zona bianca. L'indice di incidenza è di 23 su 100mila, è la terza settimana che vengono confermati buoni dati di questo tipo, quindi da lunedì, saremo in zona bianca", ha detto.

Le regole in zona bianca

"L'Italia - ha aggiunto Fontana - deve partire con la massima sollecitudine" sul green pass che ha avuto il via libera dal Parlamento Europeo. "In quanto Paese attrattivo e meta turistica, abbiamo bisogno di questa opportunità che dà una libertà in più a chi sceglie di venire da noi per le vacanze. Noi fin dal primo momento abbiamo detto che se ci danno una disponibilità aggiuntiva di dosi da destinare ai turisti, siamo pronti ad offrire il servizio. È chiaro - ha aggiunto il governatore - che è una cosa complessa, ma la macchina organizzativa che abbiamo in campo può gestirla. Si tratta di far comunicare tra loro le anagrafi vaccinali delle regioni, la nostra è già informatizzata e pronta".

Le regole in zona gialla

Quanto all'uso del vaccino Astrazeneca anche per le fasce più giovani della popolazione, Fontana ha rivendicato non non aver "mai fatto vax Day dedicati ai giovani, quindi il problema per noi non si è posto. Noi seguiamo le indicazioni e dato che le indicazioni suggeriscono di non utilizzare Astrazeneca sotto una certa età noi non lo utilizziamo. Abbiamo in questo momento altri vaccini che utilizziamo. Comunque noi siamo sempre rispettosi delle indicazioni che ci vengono date dal commissario e dal Cts nazionale". 

Moratti: "Lombardia da oggi di fatto in zona bianca"

A confermare quanto annunciato da Fontana sul prossimo passaggio di colore è  la vicepresidente e assessore al Welfare di Regione Lombardia, Letizia Moratti: "La Lombardia può considerarsi da oggi di fatto zona bianca. I dati odierni - precisa  - confermano, dopo tre settimane consecutive di incidenza di casi positivi al Covid sotto i 50 ogni 100.000 abitanti, che da lunedì prossimo la Lombardia potrà passare da zona gialla a zona bianca. Il dato di oggi - aggiunge Letizia Moratti - certifica 23 positivi ogni 100.000 abitanti, con un costante e sensibile calo dei pazienti ricoverati in terapia intensiva".

Il ritorno alla normalità in zona bianca

"Il ritorno però alla completa normalità di tutte le attività - sottolinea l'assessore al Welfare - senza restrizioni, fatta eccezione per le discoteche, e il venir meno del coprifuoco serale non significa un 'liberi tutti'". Rimangono obblighi e divieti volti a ostacolare la diffusione dei contagi. "Resta quindi l'obbligo - spiega Letizia Moratti - d'indossare la mascherina all'aperto e al chiuso, negli spazi pubblici e privati, mantenendo sempre la distanza interpersonale di almeno 1 metro. Resta inoltre in vigore il divieto di assembramento".

"Questo risultato da tanto atteso e auspicato - conclude la vicepresidente di Regione Lombardia - è da attribuire al forte impulso avuto dalla campagna vaccinale, che ha toccato quota 7 milioni di somministrazioni. Ma soprattutto allo straordinario senso civico dei lombardi, che hanno rispettato regole e protocolli".

"Per questo - ricorda Letizia Moratti - ribadisco l'appello alla responsabilità di ognuno, nonostante il miglioramento della situazione e il progressivo aumento della popolazione vaccinata".

Zona bianca: cosa succede e cosa cambia

Secondo le previsioni tutta l'Italia dovrebbe trovarsi in zona bianca a partire da luglio. Ma quali sono le regole in vigore e cosa cambia da giallo a bianco? 

  • in primo luogo il coprifuoco: è in vigore dalle 24 alle 5 in tutte le regioni in zona gialla; in zona bianca invece il coprifuoco è annullato. Nelle regioni in cui è in vigore il coprifuoco è vietato, negli orari dal mezzanotte alle 5 del mattino, spostarsi se non per ragioni di salute, lavoro, estrema necessità e urgenza con autocertificazione; 
  • poi ci sono le regole per ristoranti e bar: nella zona bianca è possibile sedersi fino a 6 persone a tavola e non c'è nessuna limitazione all'esterno; in zona gialla sono ancora in vigore le regole della riapertura: quattro persone al massimo per ogni tavolo;
  • infine ci sono le piscine al chiuso, i parchi tematici, le sale giochi e le sale scommesse: riaprono tutti in zona bianca, mentre in zona gialla dovranno attendere ancora qualche giorno. Per il 15 giugno è prevista la riapertura dei parchi tematici e di divertimento; per il primo luglio le piscine al chiuso e le sale giochi. 

Sia in zona gialla che in zona bianca invece rimane il divieto di organizzare feste, quello di trovarsi in assembramenti e di andare in giro senza mascherina. Mentre un'ulteriore differenza c'è nelle visite ad amici e parenti con deroga: un'ordinanza del ministro della Salute Roberto Speranza ha specificato che in zona bianca è possibile andare a trovare amici e parenti spostandosi in sei persone oltre ai figli minori e ad eventuali disabili. In zona gialla rimane la limitazione a quattro persone e rispettando il coprifuoco. 

Ci sono anche regole diversificate tra zona bianca e zona gialla per quanto riguarda i banchetti dopo le cerimonie civili e religiose (matrimoni, comunioni, cresime). In zona bianca sono consentiti ma con green pass, ovvero la certificazione verde che si rilascia dopo la vaccinazione, oppure dopo la guarigione da covid-19 oppure ancora in presenza di un tampone negativo nelle 48 ore precedenti l'appuntamento. In zona gialla i banchetti saranno consentiti - sempre con il green pass e le stesse regole - a partire dal dal 15 giugno.

Martedì prossimo è previsto un incontro del ministro Speranza con i gestori per la questione delle discoteche. Per ora la riapertura è fissata il primo luglio ma con green pass. Anche il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri si dice convinto che il nodo sarà sciolto in tempi brevi grazie al green pass.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Da lunedì 14 giugno la Lombardia sarà in zona bianca"

MilanoToday è in caricamento