rotate-mobile
Coronavirus Duomo / Piazza del Duomo

Piazza Duomo, ragazzi, prof e genitori contro la Dad: "Vogliamo tornare a scuola"

Secondo gli organizzatori circa un migliaio di persone hanno manifestato in centro per chiedere il ritorno alle lezioni in presenza

In piazza per chiedere di ritornare tra i banchi di scuola. È la manifestazione che nel pomeriggio di venerdì 8 gennaio ha visto studenti, professori e genitori, circa un migliaio di persone secondo gli organizzatori, protestare contro la didattica a distanza per le scuole superiori, dopo che la Regione ne ha annunciato il prolungamento almeno fino al 24 gennaio.

La mobilitazione, organizzata dal gruppo Studenti presenti e dal comitato A scuola, ha voluto richiamare l'attenzione sulla necessità di programmare un ritorno in sicurezza del personale docente e dei ragazzi all'interno degli istituti. "Dad, dimenticati a distanza", si leggeva in uno dei cartelli portati dai manifestanti; "la scuola è il futuro", recitava un altro; e ancora "vi prego fate tornare a scuola mio fratello", diceva quello mostrato da una ragazzina.

“È l’ennesima dimostrazione della trascuratezza e superficialità che questo Paese rivolge alla scuola – ha detto al megafono durante la manifestazione Chiara Todisco, rappresentante degli studenti del liceo classico Carducci -. Significa non assumersi le proprie responsabilità e non preoccuparsi delle ripercussioni di questa gran confusione dal punto di vista didattico e psicologico su tutti noi, soprattutto in uno Stato in cui la dispersione scolastica è tra i livelli più alti d’Europa. Fermare la scuola significa fermare il futuro. È l’ora di assumere uno sguardo lungimirante e uno sguardo lungimirante non può prescindere dall’istruzione delle future generazioni”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piazza Duomo, ragazzi, prof e genitori contro la Dad: "Vogliamo tornare a scuola"

MilanoToday è in caricamento