rotate-mobile
Il parere

"C'è troppa fretta, politica, di mettersi tutta la pandemia alle spalle"

Massimo Galli critica la scelta di togliere l'obbligo di indossare le mascherine in aereo

Lo stop all'obbligo della mascherina in aereo "è un déjà-vu di fatti già visti nei due anni passati: c'è troppa fretta, politica, di mettersi tutta la pandemia alle spalle, ma dalle notizie che arrivano dal Sudafrica con nuove varianti Omicron 4 e 5 che avanzano minacciose, togliere la mascherina in aereo ora è sbagliato".

Massimo Galli, già direttore del reparto malattie infettive dell'ospedale Sacco di Milano, parla con Adnkronos a proposito dell'aggiornamento arrivato dall'Easa e Ecdc, che prevede 'niente più obbligo di mascherina in aereo da lunedì 16 maggio'. "Sono il primo che pensa che la mascherina sia una seccatura ma non bisogna vederla in questo modo", osserva Galli che illustra con un esempio come i dispositivi di potezione non devono essere demonizzati.

"Molte signore che conosco, che utilizzano per necessità un motorino - prosegue - si infastidiscono perché devono usare il casco che però rovina la loro piega. Ma queste signore usano lo stesso il casco perché protegge in caso di caduta. La mascherina - rimarca - è uno strumento di protezione individuale che va portato, soprattutto in luoghi chiusi come un aereo o un treno". Secondo Galli, "togliere così le mascherine in aereo è un problema che preclude determinati spazi alle persone che hanno fragilità, queste se vanno in aereo o in treno con persone che non usano la mascherina hanno - conclude - un rischio più alto di infettarsi e di avere conseguenze".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"C'è troppa fretta, politica, di mettersi tutta la pandemia alle spalle"

MilanoToday è in caricamento