Mascherine gratis in Lombardia: domenica l'annuncio, lunedì la "caccia al tesoro"

La comunicazione dei vertici regionali faceva intendere che le mascherine sarebbero state disponibili gratis da lunedì mattina, ma in realtà occorre aspettare ancora

Foto Ansa/Marco Ottico

Mascherine per tutti i lombardi. No, per poco più di 3 milioni di lombardi. Con quali criteri? Non si sa ancora. A partire da lunedì 6 aprile. No, più avanti. Ancora una volta (l'ennesima dall'inizio dell'emergenza Coronavirus) le disposizioni non sono chiare, oppure sono chiarissime ma cambiano repentinamente.

La Regione Lombardia, sabato sera, ha disposto (a partire da domenica 5 aprile) l'obbligo di uscire di casa con una mascherina. Sì, quel prodotto che sembra quasi introvabile. Bontà loro, l'ordinanza della giunta consente di utilizzare un qualunque metodo per coprire bocca e naso. Così i vertici regionali hanno la risposta pronta a chiunque faccia loro notare che, per chi la mascherina non è ancora riuscito a reperirla (e poi una non basta, perché dopo un po' va cambiata), sarebbe impossibile farlo sabato notte. Un foulard può salvare dalla multa, anche se probabilmente non dal Coronavirus, come ci è stato spiegato da mesi.

Domenica, poi, la Regione ha fatto sapere che tre milioni e 300 mila mascherine (di cui 900 mila nella Città metropolitana di Milano) erano in distribuzione nei punti vendita essenziali, in modo che i lombardi potessero ritirarle gratuitamente. 300 mila di queste sarebbero arrivate nelle farmacie, attraverso un accordo con Federfarma. Leggiamo il comunicato della Regione, diffuso domenica alle sette di sera.

CORONAVIRUS, MASCHERINE IN DISTRIBUZIONE GRATUITAMENTE A CITTADINI, DISPONIBILI IN ESERCIZI PUBBLICI

OLTRE 3 MILIONI DI PEZZI GIA' PRESENTI NEI TERRITORI PROVINCIALI CHI NON LE POSSIEDE COPRA VIE RESPIRATORIE CON FOULARD O SCIARPA (Lnews - Milano, 05 apr) "L'ordinanza emessa ieri obbliga a coprirsi bocca e naso per contribuire a impedire il contagio. Oggi la Protezione civile regionale ha iniziato a distribuire a tutti i soggetti fornitori di servizi essenziali, una prima parte delle mascherine che serviranno per poter rispettare al meglio l'ordinanza regionale". Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, durante la quotidiana diretta sulla pagina Facebook di LombardiaNotizieOnline, con l'assessore al Bilancio Davide Caparini e alla Protezione civile Pietro Foroni.

Per quelle di Federfarma, distribuite alle farmacie, invece, bisogna aspettare:

"Il piano - ha precisato Foroni - prevede la distribuzione di 3,3 milioni di mascherine; 300 mila di queste, grazie a un accordo con Federfarma che da domani comincera' a rifornire le farmacie, saranno gratuitamente disponibili a partire da meta' (settimana, n.d.r.) per chi ne avesse bisogno o per una sostituzione di un prodotto non adeguato. Sara' poi la stessa farmacia a individuare le persone in condizioni fragili perche' vengano loro consegnate.

Ma Federfarma ha diffuso una nota (inviata all'ordine dei farmacisti lombardo) in cui si parla di "voci diffuse oggi" (voci?) e si specifica che le mascherine in farmacia "saranno disponibili non prima di fine settimana prossima", ovvero il weekend di Pasqua. 

Il cortocircuito è servito: una comunicazione inviata alle sette di domenica sera, diffusa subito dai giornali, ha fatto sì che lunedì mattina le persone attendessero l'apertura dei negozi per ottenere la mascherina in omaggio. Anche perché se per la Città metropolitana di Milano (tre milioni e 260 mila abitanti) le mascherine sono 900 mila, conviene affrettarsi.

Il tutto con obbligo di mascherina già scattato ventiquattr'ore prima. Ma non bisogna preoccuparsi. Se la mascherina non si trova, va bene un foulard.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia verso entrata in 'zona arancione' da venerdì: cosa cambia

  • Incendio a Cologno, fiamme ed esplosioni nel condominio: casa distrutta, palazzo evacuato

  • "Ve matamos a todos", poi calci e pugni: il folle assalto della 'gang', 5 poliziotti feriti in metro

  • Lombardia verso la zona arancione: ma non c'è nulla da esultare. I numeri

  • Violenza sessuale a Milano, ragazza stuprata dal cugino del padre: "Se parli ti taglio la testa"

  • Luci, decorazioni e un 'bosco incantato': in centro a Milano arriva il mega store del Natale

Torna su
MilanoToday è in caricamento