menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Le mascherine della Fippi

Le mascherine della Fippi

Le mascherine-pannolino della Lombardia "volano" in Kazakistan

Un milione di pezzi sarà donato al Paese asiatico ex Urss. Le polemiche quando vennero acquistate dalla Regione

Le mascherine-pannolino, fatte produrre in tutta fretta da Regione Lombardia, che avevano creato fortissime polemiche in ambiente sanitario perché ritenute inutili, ora saranno donate al Kazakistan. E' il frutto di una delibera della giunta regionale: un milione di pezzi prenderà il volo per il Paese asiatico dell'ex Unione Sovietica, mentre altri 500 mila pezzi saranno dati ad Areu che li terrà nei propri magazzini nel caso servissero in futuro.

La storia di queste mascherine inizia a marzo, quando di dispositivi in giro non se ne trovavano e soprattutto gli ospedali ne avevano un urgente bisogno. La Regione commissionò allora ad Aria, la centrale acquisti, di andare a caccia di dispositivi, e trovò nella Fippi di Rho, che normalmente produce pannolini per marchi terzi, un partner affidabile. Ne nacquero le mascherine-pannolino, che vennero immediatamente contestate dai medici e infermieri, perché non sterili e non filtranti. Partì anche un'indagine.

Le mascherine "volano" in Kazakistan

La Regione ne aveva comprati, tramite Aria, 18 milioni di pezzi. Tutti finiti nel magazzino del nuovo ospedale della Fiera, per evitare polemiche. Il colpo di scena, scrive Chiara Baldi sulla Stampa, a settembre: con due delibere, cui si accennava, la Regione destina ad aiuti umanitari un milione di pezzi per il Kazakistan e 500 mila pezzi ad Areu, l'Azienda regionale di emergenza e urgenza, perché li conservi in vista di eventuali bisogni. 

E c'è un piccolo giallo relativo al pagamento ad Aria di 823.500 euro per 1,5 milioni di pezzi, con il costo unitario di 45 centesimi più Iva a mascherina, secondo la quotazione che a suo tempo mise d'accordo Aria e Fippi. A prima vista sembrerebbe un doppio pagamento ma la Regione spiega che si tratta, più semplicemente, di un nuovo ordine per tenere inalterate le scorte.

Il Kazakistan era stato definito un "modello" in Asia per la lotta al coronavirus, ma all'inizio di luglio è stato il primo Paese costretto ad un secondo lockdown dopo la ri-esplosione dei contagi. Con 18 milioni di abitanti, ufficialmente conta circa 1.600 morti per il covid, con poco meno di 5 mila casi attivi.

La replica della società

"Fippi Spa ha già da tempo cessato la produzione di mascherine e dopo la regolare esecuzione della fornitura ad Aria Spa non ha più venduto né mascherine a quest'ultima né a Regione Lombardia. Fippi è dunque del tutto estranea alla donazione e ai pagamenti menzionati nell'articolo dei quali ha avuto conoscenza solo dall'articolo in questione", ha precisato la società in una nota.

"È inoltre tendenzioso e non attendibile quanto riportato nell'articolo, riprendendo i contenuti dell'esposto a suo tempo depositato da Adl Cobas, in merito alla qualità delle mascherine prodotte da Fippi Spa. Come da tempo chiarito dalla società Fippi Spa si era attivata a fronte dell'emergenza sanitaria per la diffusione del virus Covid-19 e a fronte dell'invito aperto di Regione Lombardia, producendo e fornendo mascherine sicure e protettive certificate dal Politecnico di Milano ed autorizzate dall'Istituto superiore di Sanità in relazione alle quali è stato altresì completato l'iter di certificazione CE. A prescindere dunque dalle ragioni per le quali Regione Lombardia abbia deciso di non utilizzarle, le mascherine fornite dalla Fippi sono dispositivi sicuri, ad alta capacità filtrante e conformi a tutte le norme tecniche di riferimento".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona rossa: le faq aggiornate a marzo 2021 per capire cosa si può fare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento