menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Repertorio

Repertorio

Milano, durante lockdown il doppio dei minori allontanati dalle famiglie per situazioni violenza

A stabilirlo il tribunale per i minorenni di Milano, la cui presidente Maria Carla Gatto ha parlato dell'alto numero di provvedimenti presi nel 2020 rispetto agli anni scorsi

Durante il lockdown il doppio dei minori rispetto agli scorsi anni è stato allontanato dalla famiglie su decisione del tribunale dei minorenni di Milano.

I provvedimenti di allontanamento di bambini e ragazzi - ha detto la presidente del tribunale, Maria Carla  Gatto nel corso della commissione consiliare Politiche Sociali - sono stati il doppio nella primavera di lockdown dello scorso anno rispetto agli anni precedenti.

"Se guardiamo i dati di Milano e del tribunale per i minorenni vediamo che gli interventi volti a limitare la responsabilità dei genitori sono stati 2.070 nel 2019 e 1.527 nel 2020 - ha affermato il giudice -. Ovvero nel 2020 ci sono stati 500 procedimenti aperti in meno. Non ci deve tranquillizzare però questo dato, perché nel momento del lockdown, durante l'emergenza massima, il tribunale per i minorenni che lavorava in presidio è andato a emettere provvedimenti urgenti in misura doppia. Ovvero, durante lockdown, abbiamo avuto situazioni di violenza intrafamiliare e necessità di allontanare bambini in misura doppia rispetto al 2018 e 2019. Questo ci deve preoccupare".

"Manchiamo di strutture intermedie tra il settore educativo e terapeutico - ha continuato il magistrato -. I minori sono affetti da gravissimo disagio psichico che si sta accentuando con l’isolamento, hanno necessità di avere un'assistenza in comunità a ciò indirizzate".

"Nel 2018 sono stati 10.299, 10.680 nel 2019 e 10.617 nel 2020 - ha detto invece l'assessore alle Politiche sociali, Gabriele Rabaiotti, comunicando i numeri dei minori che sono stati presi in carico dal Comune -. Di questi, nel 2018, sono stati allontanati dalla famiglia il 9,3 per cento, quindi in totale 958 minori; nel 2019 gli allontanamenti hanno riguardato l'8 per cento dei minori presi in carico, 859; e nel 2020 l'8,2 per cento, 872".

"In particolare - ha continuato Rabaiotti - in comunità sono stati trasferiti 647 minori nel 2018, 541 nel 2019 e 560 nel 2020, mentre l'affido - eterofamiliare o parentale - ha riguardato 311 minori nel 2018, 318 nel 2019 e 318 nel 2020. Gli affidamenti sono inferiori a quanto ci si potrebbe immaginare, con una percentuale sempre sotto il 10 per cento. La Lombardia rispetto ad altre regioni si attesta a centro classifica, è al nono posto rispetto alla percentuale tra i minori presi in carico e quelli allontanati dal nucleo familiare, quindi non è un caso eclatante".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Lombardia zona gialla: cosa potrebbe riaprire dal 26 aprile

Attualità

Netflix ha ambientato una serie tv a Milano

Ultime di Oggi
  • Coronavirus

    Vaccini covid, il 22 aprile partono le prenotazioni per i 60-64enni

  • Coronavirus

    "L'estate sarà sicuramente migliore del 2020"

  • Elezioni comunali 2021

    Elezioni a Milano, parte la "guerra dei sondaggi". L'incognita Albertini

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Elezioni comunali 2021

    Il nostalgismo

  • Porta Nuova

    In piazza Gae Aulenti è comparso un enorme caprone di legno

  • Cologno

    Le sette caprette salvate a Cologno (Milano)

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento