menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La manifestazione dello scorso anno

La manifestazione dello scorso anno

Violano il lockdown per onorare Sergio Ramelli: multati militanti di destra a Milano

Quattro persone multate: sono rappresentati dei movimenti di estrema destra. L'accaduto

Hanno violato il lockdown. E per questo sono finiti nei guai. Quattro persone sono state multate mercoledì mattina dagli agenti della Digos di Milano dopo essere state fermate, e identificate, in via Paladini mentre deponevano una corona di fiori sotto la lapide dedicata a Sergio Ramelli, il 18enne del Fronte della Gioventù che fu ucciso nel 1975 da alcuni militari di estrema sinistra proprio sotto casa sua, in via Paladini. 

Tre dei sanzionati - che sono stati puniti per aver violato i decreti che vietano le uscite per l'emergenza Coronavirus - sarebbero rappresentati di CasaPound, Forza Nuova, Lealtà Azione, che erano accompagnati da un fotografo. 

Quest'anno, proprio a causa dell'epidemia, non ci sarà nessuna manifestazione - di solita organizzata proprio dai tre movimenti "guida" della destra -, ma si terrà un video ricordo alle 20.30 e poi un concerto in streaming il cui inizio è previsto per le 22. 

Il lunedì nero

Nel 2019, invece, il 29 aprile si era trasformato in un lunedì nero. I manifestanti, guidati dal leader di CasaPound, Gianluca Iannone, avevano deciso di sfidare il divieto delle autorità ed erano partiti in corteo da piazzale Susa, dando vita a degli scontri con la polizia in assetto antisommossa. 

Dopo una "camminata" fino in via Paladini, sotto casa di Ramelli - dove si trovano un murale e una lapide - era andato in scena il rito del presente, accompagnato dagli immancabili bracci tesi dedicati al 18enne. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona rossa: le faq aggiornate a marzo 2021 per capire cosa si può fare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento