menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Repertorio

Repertorio

Milano, la Lombardia è zona rossa fino al 31 gennaio: "Non è punizione". Le regole

Il provvedimento arriva per una "incidenza di contagi superiore a 50 casi per 100mila abitanti"

La Lombardia sarà in zona rossa da oggi domenica 17 gennaio fino al 31 gennaio 2021. Lo prevede l'ordinanza del ministero della Salute che è stata firmata sabato 16 da Roberto Speranza contenente "misure urgenti di contenimento e gestione dell'emergenza sanitaria nella Regione Lombardia. 

Il provvedimento viene giustificato con l'applicazione dell'articolo 3 del Dpcm del 14 gennaio, vista una "incidenza di contagi superiore a 50 casi per 100mila abitanti", e quindi "rischio alto". L'ordinanza firmata dal ministro Roberto Speranza sulla base dei dati del monitoraggio settimanale: la Lombardia ha annunciato ricorso ma il ministro intervenendo a 'Stasera Italia' su Rete4 ha voluto chiarire che le chisure sono indispensabili e non devono essere valutate come punitive.

Il vicepresidente e neo assessore al Welfare Letizia Moratti non è d'accordo e ha invitato il ministro della Salute a sospendere con effetto immediato l'ordinanza "in quanto l'incertezza dei dati non aggiornati alla base della decisione non legittima un provvedimento restrittivo di questo tipo. Inoltre, chiedo al Ministro Speranza - spiega Moratti - la revisione dei criteri da parte dei tecnici ministeriali in quanto ci sono ben altre regioni con rischi superiori a quelli della Lombardia non collocate in zona rossa". 

La stesse Regione Lombardia con una nota ha confermato la sua intenzione di procedere con il ricorso presso il Tar: "Dopo il provvedimento del ministro Speranza, che ha deciso di collocare la Lombardia in ‘zona rossa’, la Regione - come preannunciato dal presidente Attilio Fontana - lunedì mattina presenterà ricorso al Tar contro il provvedimento, con richiesta di misura cautelare urgente".

Zona rossa e zona arancione, le nuove regole

Vediamo le nuove regole stabilite dal Dpcm, dal nuovo decreto e dalla nuova ordinanza.  

Nella zona rossa (quindi in Lombardia)

  • Gli spostamenti sono consentiti solo per ragioni lavoro, salute, necessità e tra questi rientra l’assistenza ad una persona non autosufficiente; si potrà rientrare nella propria residenza, nel domicilio o nell’abitazione in cui ci si ritrova abitualmente con il partner; si potrà andare a fare la spesa e a messa oltre che in farmacia e dal tabaccaio.
  • Ci si potrà recare a casa di altre persone (in due, ma nel totale non sono contati gli under 14) con spostamenti all'interno del proprio comune.
  • Sembra aperta la possibilità di raggiungere le seconde case (maggiore chiarezza arriverà quando saranno aggiornate le faq nella pagina del Governo, qui le ultime disponibili).
  • Bar e ristoranti chiusi; è consentito solo il servizio a domicilio o l’asporto entro le 18 per i bar. Restano aperti gli autogrill lungo le autostrade e i bar in stazioni e aeroporti.
  • I negozi aperti sono: supermercati, alimentari, parrucchieri, barbieri, tabaccai,  farmacie, parafarmacie, librerie, edicole, fiorai, negozi di giocattoli e abbigliamento sportivo, tabacchi e ferramenta, lavanderie e negozi per animali.
  • Non si potranno frequentare le lezioni in aula dalla seconda media compresa in su, in terza e alle superiori si è in dad.
  • Non si potrà fare qualsiasi sport salvo attività motoria all’aperto e in forma individuale; si potrà fare jogging o andare in bici individualmente e senza allontanarsi da casa.

Nelle zona arancione (dove spera di arrivare la Lombardia dopo il ricorso)

  • Ci si può muovere all'interno del proprio comune e tutti i negozi, tranne bar e ristoranti, sono aperti.
  • Potranno aprire gli esercizi commerciali di qualsiasi tipo, con orari continuati e allungati fino alle 21 per evitare che, soprattutto nei primi giorni della prossima settimana, si creino assembramenti.
  • Il coprifuoco sarà in vigore dalle 22 alle 5.
  • Si potranno praticare sport non di contatto come il tennis.
  • Si potrà fare visita a parenti e amici, ma solo due persone (oltre ai minori di 14 anni) e non più di una volta al giorno.
  • Ci si potrà spostare fino a 30km dal comune se si risiede in un centro con meno di 5mila abitanti, ma non verso i capoluoghi.
  • Si potrà portarea  casa il cibo dal ristorante fino alle 22 (ma non dal bar), farsi consegnare con il delivery un pasto a qualsiasi ora.

Nella zona gialla (dove la Lombardia arriverebbe in caso di un ottimo risultato)

  • Sarà vietato uscire dalla propria regione se non per motivi di studio, lavoro, salute o necessità.
  • Sarà in vigore il coprifuoco dalle 22 alle 5.
  • Ci si potrà recare in visita agli amici usando la deroga (senza uscire dalla propria regione) al massimo in due persone più gli under 14 e gli eventuali disabili a carico.
  • Cinema e teatri resteranno chiusi.
  • Bar e ristoranti saranno aperti fino alle 18; l'asporto sarà consentito fino alle 22 così come la consegna a domicilio.
  • Sarà possibile frequentare i musei rispettando le regole del distanziamento sociale e utilizzando la mascherina.

Inoltre vale la pena ricordare che:

  • in casa si possono ospitare non più di due persone.
  • anche nelle zone gialle gli spostamenti tra regioni sono bloccati fino al 15 febbraio, con le eccezioni dei motivi di lavoro, salute o necessità e urgenza con autocertificazione. Resta sempre possibile tornare al domicilio, alla residenza o all'abitazione e ricongiungersi con il partner dove si alloggia assieme abitualmente. 
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Isolata in Lombardia una nuova (e rarissima) variante di covid

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento