Coronavirus, due terzi dei nuovi positivi in Lombardia rientrano dall’estero: ecco da dove

La notizia è stata annunciata dall'assessore regionale al Welfare Giulio Gallera. I dati

Repertorio

 I “due terzi” dei 269 nuovi positivi al coronavirus registrati oggi (mercoledì 26 agosto, ndr) in Lombardia sono cittadini rientrati “dall’estero. Ben 214 dei casi positivi odierni sono riferiti a persone con età inferiore a 50 anni, 28 di questi sono minorenni”. Lo ha comunicato in una nota l’assessore al Welfare della Regione, Giulio Gallera. Viene spiegato che “il 93% dei cittadini testati è italiano: il 56% rientrava dalla Grecia, il 40% dalla Spagna, il 2% dalla Croazia e altrettanti da Malta”. Fra gli stranieri sottoposti a tampone, invece, il 52% proviene dalla Spagna, il 43% dalla Grecia e il 5% dalla Croazia.

L’assessore Gallera fa anche sapere che “prosegue l’attività di screening con i test molecolari negli aeroporti: a Malpensa, dove l’orario è stato esteso fino alle 19.30, sono stati eseguiti 10.800 tamponi, a Linate 1.024, nello spazio allestito accanto alla Fiera di Bergamo per chi proviene dallo scalo di Orio al Serio 1.859”.

Per quanto riguarda i test sierologici gratuiti per gli insegnanti, Gallera ha spiegato che sono state registrate 40mila prenotazioni: “Negli ambulatori allestiti dalle ASST della Lombardia continuano in modo incessante i test sierologici gratuiti e su base volontaria agli insegnanti e operatori scolastici: finora abbiamo registrato circa 40.000 prenotazioni”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, la Lombardia è zona arancione: le faq aggiornate per capire cosa si può fare

  • Zona rossa, zona arancione e zona gialla: quando serve l'autocertificazione

  • Milano, la Lombardia è zona rossa: le faq aggiornate per capire cosa si può fare

  • Lombardia verso la zona rossa da lunedì 18 gennaio

  • Milano, il negozio vieta l'ingresso "alle persone vaccinate di recente": il cartello diventa virale

  • Da oggi al 15 gennaio Lombardia in zona arancione, cosa si può fare e cosa no

Torna su
MilanoToday è in caricamento