Fase 2, dal 1° giugno riaprono piscine e palestre: ecco quali e le nuove regole

Cosa prevede l'ordinanza regionale. Dal 15 giugno al via anche servizi per infanzia e adolescenza (dai 3 ai 17 anni) e attività di spettacolo

Una piscina a Milano (foto da MilanoSport)

Da lunedì 1° giugno a Milano e il Lombardia riaprono piscine, palestre, circoli culturali e ricreativi. A prevederlo l'ordinanza regionale firmata dal presidente Attilio Fontana, che consente di tornare in attività anche a parchi tematici, divertimento e faunistici.

L'attività fisica all'aperto, inoltre, potrà essere eseguita nel rispetto delle misure di distanziamento di due metri previste dal decreto ministeriale vigente. All'interno di tutti gli impianti sportivi e ricreativi riaperti dovranno essere osservate le indicazioni per evitare contagi da Covid-19.

Permane a livello regionale l'obbligo di portare la mascherina o indumenti per coprire naso e bocca, anche all'aperto. Continua a essere necessario, infine, misurare la temperatura ai dipendenti sul posto di lavoro e ai clienti nei ristoranti.

Piscine riaperte a Milano

In città per il momento il gestore MilanoSport riapre solo cinque impianti (unicamente per il nuoto libero e con permanenza massima di due ore): Carella Cantù, Cozzi (che però a causa di un problema tecnico risulta ancora chiusa), Murat, Procida e Saini - centro Balneare. Accessibili anche i centri tennis della società del Comune Cambini Fossati, Lido, Saini e Washington.

Apertura piscine fino al 14 giugno: orari, regole e tariffe

Tre piscine (Lido, Suzzani e Quarto Cagnino) non potranno invece riaprire nemmeno da metà giugno. Erano infatti interessate da lavori di manutenzione che sono stati ritardati dal lockdown, pertanto non saranno operative per l'estate 2020. 

"Troverete molti dei nostri impianti sanificati, riordinati e ritinteggiati; abbiamo lavorato tanto in questi mesi per prepararci al meglio a questa riapertura", si legge in una nota di MilanoSport. Prima di accedere alle piscine è consigliabile prenotare online.

Cosa riapre e cosa no

Dal 15 giugno è previsto anche l'inizio dei servizi per l'infanzia e l'adolescenza (dai 3 ai 17 anni) e le attività di spettacolo, fatta salva la possibilità di svolgere le prove in assenza di pubblico già a partire dal 1° giugno, sempre nel rispetto di quanto previsto delle regole delle 'linee guida' interregionali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta in moto contro un pullman di linea: turista milanese muore sul Lago Maggiore

  • Lotto, doppia vincita record a Cassano Magnago: due quaterne da oltre 400mila euro

  • Coronavirus, la Lombardia cambia le regole: nuove norme per obbligo mascherine e mezzi pubblici

  • Milano, "blitz" del maltempo: attesi temporali forti, scatta l'allerta della protezione civile

  • Meteo, temporali forti a Milano: allerta arancione della protezione civile

  • Milano, ragazza molestata fuori dall'ospedale: un 23enne arrestato per violenza sessuale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento