Coronavirus, il sindaco Sala: per un paio di anni Milano avrà un milione di persone in meno

Sala: "Le città pagheranno un prezzo importante, ma quando si ripartirà lo si farà da qui"

Sala

“Per un paio d’anni probabilmente” i tre milioni di persone, tra residenti, pendolari e turisti, che ogni giorno frequentavano Milano fino alla pandemia di Coronavirus “diventeranno tendenzialmente due milioni” per il crollo del turismo e la diffusione dello smart working. Lo ha evidenziato il sindaco della città, Giuseppe Sala, durante un webinar organizzato dal Notariato Milanese e dalla Scuola di Notariato.

Rimodellare un sistema che si basa su una certa dimensione, ma poi ha perso un terzo della sua popolazione, ha continuato il primo cittadino, “è un esercizio difficilissimo”. A suo parere “le città pagheranno un prezzo importante, ma quando si ripartirà lo si fara da qui, dove ci sono università, creatività, professioni, industria, partenership pubblico-provato e partecipazione attiva della popolazione” ha continuato.

“Questo è un Paese strano in cui la gente lavora tantissimo, non manca di creatività, non manca di volontà, di senso di collaborazione. Poi ci perdiamo in una serie di cose, ma speriamo che questo possa essere considerato il passato e che in un nuovo mondo ci libereremo di un po’ di scorie e saremo capaci di andare più dritti verso l’obiettivo” ha concluso il sindaco.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, file e corse per le scarpe della Lidl (comprate a 12.99 e già in vendita a 200 euro)

  • Covid, Lombardia verso entrata in 'zona arancione' da venerdì: cosa cambia

  • Milano, spacca vetrata all'Esselunga e cerca di rubare i soldi dalle casse: preso

  • Incendio a Cologno, fiamme ed esplosioni nel condominio: casa distrutta, palazzo evacuato

  • Bresso (Milano), due agenti della polizia locale accoltellati: uno è grave

  • Coronavirus, dal 27 novembre la Lombardia vuole diventare zona arancione. Cosa cambia

Torna su
MilanoToday è in caricamento