Coronavirus, flash mob dei genitori contro la chiusura delle scuole a Milano: la protesta

La manifestazione è fatta da un gruppo di genitori che si è dato appuntamento al Teatro Burri

Repertorio

Un flash mob per dire no alla chiusura delle scuole per gli studenti più piccoli. A organizzare la manifestazione è un gruppo di genitori che si è dato appuntamento al Teatro Burri di parco Sempione domenica 1 novembre alle 15. “Portate con un voi un libro e preparate un cartello da appendevi alla schiena con il nome dell’autore o dell’autrice. Ci posizioneremo su una griglia rispettando le distanze. Ad un segnale legggeremo insieme uno spezzone del libro scelto”, si legge nell’invito su Facebook.

Nel corso del pomeriggio per i bambini ci saranno attività di didattica all’aperto e letture. “E se sarà necessario – assicurano gli organizzatori – torneremo quindi ogni domenica per riprenderci la scuola e le lezioni che rischiamo di perdere”.

“La scuola è una priorità – si legge nella chiamata social – Il danno della loro chiusura significa disastro sociale, ripiegamento in case disuguali, ingiustizia che discrimina, impedendo la partecipazione alle lezioni a quei bambini che abitano spazi sovraffollati, privi di Wi-Fi e computer”. Secondo i promotori dell’iniziativa, “le scuole potrebbero essere presidio anche di informazione sanitaria e prevenzione per tutta la comunità. E restano sempre l’unico luogo del riscatto, della possibilità”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, Lombardia diventa zona arancione: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • La Lombardia diventa zona arancione: adesso è ufficiale. Ecco da quando e cosa cambia

  • Vitamina D, che cosa mangiare per farne il pieno

  • Milano, festa al parchetto con gli amici: mix di alcol e droga, ragazzina 16enne in coma

  • Covid, Milano si sveglia in zona arancione: riaprono i negozi. Galli: "Scelta politica"

  • "Ve matamos a todos", poi calci e pugni: il folle assalto della 'gang', 5 poliziotti feriti in metro

Torna su
MilanoToday è in caricamento